Virtus Verona, domani è sfida contro il Vicenza

Il match si terrà domani alle 17.30 al Gavagnin-Nocini.

Fresco Virtus Verona

Due vittorie che cambiano le carte in tavola. Rispetto a sette giorni fa, in casa Virtus Verona è tutta un’altra storia. I successi contro Triestina e Imolese nel turno infrasettimanale hanno permesso ai rossoblu di prendere una bella boccata d’ossigeno a tutto vantaggio, non solo della classifica ma soprattutto del morale. Ed allora anche il volto del presidente allenatore Luigi Fresco è più sereno.

«Sì, è stata davvero una bella settimana ma adesso non è più tempo di guardare a ciò che è stato. – ha detto Fresco – Siamo alla vigilia di una partita importante, dovremo confermare le buone indicazioni emerse con Triestina e Imolese al cospetto di una corazzata come il Vicenza. Affrontiamo i biancorossi nel momento migliore, siamo più sereni e carichi soprattutto a livello mentale. Ce la giocheremo a viso aperto come abbiamo sempre fatto ma con meno paura di sbagliare. Vogliamo continuare sulla strada intrapresa, un risultato positivo segnerebbe un ulteriore piccolo punto di svolta del nostro campionato».

Fresco ha avuto poco tempo per preparare la partita col Vicenza: «Il discorso vale anche per loro. Ho però una rosa ampia e di grande qualità. Chi sta giocando meno in questo momento troverà sicuramente il suo spazio. È sempre stata una mia filosofia questa, al di là delle esigenze di natura tattica o alle problematiche di natura fisica. Qualche cambio rispetto a mercoledì sera potrebbe starci. Abbiamo speso tanto, valuterò però tutto con i miei collaboratori a bocce ferme. Squadra che vince non si cambia diceva qualcuno».

Intanto, a proposito di infermeria, rispetto a mercoledì non cambia nulla: «Fuori Vannucci e Merci. Vannucci la prossima settimana potrebbe tornare gradualmente in gruppo, lo aspettiamo a braccia aperte».

La chiusura è invece dedicata all’avversario di turno, il Vicenza: «Sono felice di ritrovare due grandi amici, mister Mimmo Di Carlo ed il direttore Magalini. Grandi persone oltre che professionisti. Sarà un piacere giocare contro di loro».