Virtus Verona al banco di prova contro Feralpisalò

Il fischio d'inizio è domani alle 17.30 al Gavagnin-Nocini.

Gigi Luigi Fresco virtus verona a cesena

La Virtus Verona chiuderà domani una settimana particolarmente impegnativa con il match casalingo contro la Feralpisalò. Un altro avversario quotato al cospetto dei rossoblu, ancora a caccia della prima vittoria del nuovo anno. Il fischio d’inizio è alle 17.30 al Gavagnin-Nocini.

«Prendiamo troppi gol, è questo il vero problema. Sono un po’ preoccupato commenta il presidente allenatore Luigi Fresco – dobbiamo riprendere la marcia con una vittoria perchè dietro di noi nessuno sta a guardare e la distanza dalla zona play out si sta assottigliando di partita in partita. Ci aspettano due partite importanti, quella con la Feralpisalò che è un’ottima squadra con individualità che rappresentano un lusso per la categoria e quella di mercoledì (ore 15) contro il Gubbio in cui sarà fondamentale provarle tutte per evitare una sconfitta che produrrebbe inevitabili ripercussioni sulla classifica».

Fresco rivive la settimana appena trascorsa: «A Padova siamo stati penalizzati dagli episodi, a Cesena invece da un arbitraggio che con le sue decisioni ha pesato come un macigno sull’esito del confronto. C’era un rigore clamoroso con tanto di espulsione per noi ed il rigore nel recupero non c’era. Ormai è acqua passata, guardiamo avanti».

Capitolo formazione: «Recuperiamo rispetto a mercoledì Giacomel e Cazzola. Lupoli è sulla via del recupero ma domani non ci sarà. Resta ai box insieme a Casarotto e Marcandella. Formazione? Qualche novità rispetto a mercoledì ci sarà. A centrocampo tornerà Cazzola».