Virtus, dalla Fermana arriva la rinascita di Lupoli

La Virtus Verona piazza un autentico colpo di mercato assicurandosi l’ex attaccante di Arsenal e Fermana Arturo Lupoli. Oggi il primo allenamento nel ritiro di Mezzano di Primiero agli ordini di Luigi Fresco. 

La Virtus Verona piazza un autentico colpo di mercato assicurandosi l’ex attaccante di Arsenal e Fermana Arturo Lupoli. Oggi il primo allenamento nel ritiro di Mezzano di Primiero agli ordini di Luigi Fresco.

L’attaccante bresciano lascia la Fermana dopo 12 gol siglati in due stagioni positive per lui che doveva ritrovare una certa continuità

L’attaccante bresciano, nel corso della sua carriera, ha vestito anche le maglie di Fiorentina e Catania e giocato in tutte le categorie giovanili della Nazionale Italiana, dall’Under 16 all’Under 21.

Lupoli a 17 anni lascia il Parma – economicamente sofferente per il crac Parmalat – nel 2004 per l’arsenal di Arsene Wenger, debutta in Coppa di Lega contro il Manchester City, nella partita successiva segna una doppietta all’Everton.

Seguono gli esordi in Premier e in FA Cup, nel 2006 il prestito al Derby County in Championship. Con 7 gol contribuisce alla promozione. E cominciano le scelte sbagliate, a cominciare dagli agenti che lo spingono a tornare in Italia nel febbraio 2008, attratti da un ricco contratto quinquennale con la Fiorentina.

Da Firenze parte una lunga serie di prestiti e toccate e fuga, per una collezione di quindici club diversi e situazioni destinate all’anonimato.

Quando Lupoli si presenta alla Fermana in serie C, nel settembre 2017, è uno dei tanti trentenni passati nel calcio senza lasciare segni tangibili. Nelle Marche tuttavia il giocatore trova le condizioni per diventare il valore aggiunto in una squadra che deve salvarsi e che arriva a competere nella stagione successiva per i playoff.

Nella prima stagione colleziona 33 presenze, come non gli capitava da una vita, e sei gol. La scorsa estate c’erano state schermaglie sul rinnovo, con proposte giunte da realtà improbabili come Malta e Cipro, poi la decisione di restare, con un contratto fino al 2020.

Ora il passaggio alla Virtus, con l’auspicio di continuare con una carriera afferrata sul filo di lana.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.