L’Hellas per stupire, la Virtus per ricominciare a macinare: la preview del weekend

Al «Bentegodi» domenica si gioca Hellas – Genoa, al «Gavagnin», invece, Virtus – Gubbio. In D domani derby infuocato tra Legnago e Caldiero.

L’Hellas Verona di Mister Ivan Juric, dopo la travolgente affermazione del 5 gennaio in quel di Ferrara, si prepara ad una sfida interna contro il Genoa che può significare tantissimo in chiave classifica. Il collettivo gialloblù, stabilmente stazionato nella pancia della graduatoria di Serie A, ha nel mirino i tre punti per allontanare con ancora più decisione la zona rovente del torneo, continuando così a cavalcare l’onda di un momento positivo. Il «Grifone» prepara la trasferta di domenica con l’animo colmo di rivalsa dopo un girone d’andata da dimenticare. L’avvento in corsa di Thiago Motta non ha sortito infatti gli effetti desiderati, costringendo il Presidente Preziosi a virare su Davide Nicola, vittorioso all’esordio tra le mura domestiche dinnanzi al Sassuolo. La classifica per i rossoblù al momento piange (penultimo posto, a più due lunghezze sulla Spal fanalino di coda) ma l’atteggiamento dimostrato nell’ultimo turno costituisce un monito per Veloso e compagni: i prossimi novanta minuti a Bentegodi sono aperti ad ogni genere di esito. 

Dopo la pausa invernale riprende anche il cammino in Lega Pro per la Virtus di Gigi Fresco, determinata a condurre un «ritorno» all’altezza delle aspettative maturate all’«andata». I borgoveneziani in questa giornata d’esordio di 2020 lanciano il guanto di sfida al Gubbio quartultimo: all’andata in Umbria la contesa si arrestò sul 2-2 con grosso rammarico per i veronesi, padroni dell’incontro ma incapaci di mettere le mani sull’intero bottino. 

Un sabato dalle previsioni soleggiato sarà la casa della ventunesima giornata del campionato di Serie D. Nel raggruppamento C le veronesi cercano gloria per alimentare il fuoco dei rispettivi obiettivi stagionali. Il Legnago di mister Bagatti, autentica rivelazione della manifestazione, dopo la vittoria di misura al «Comunale» di Villafranca vuole rinsaldare il secondo posto soggiogando un Caldiero rinfrancato dalla splendida vittoria sul Chions (Galesio e Zerbato i principali fautori della recente riscossa caldierese). Un redivivo Vigasio punta a scalare ulteriori gerarchie proprio contro il Chions, mentre l’Ambrosiana del fantasista Nicolò Pangrazio ospita il Tamai. Un bivio si staglia infine sul cammino del Villafranca: a Cartigliano bisogna fare punti per scacciare un fantasma retrocessione che si fa sempre più incombente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.