Hellas, un posticipo per continuare a sognare

Gli uomini di Juric attendono al varco il «Diavolo rossonero» nell’ultimo atto della terza giornata. Intanto si è presentato Stepinski: «All’Hellas per fare la mia miglior stagione».

Dulcis in fundo. Il weekend calcistico veronese vivrà il suo apice proprio nelle battute finali: domenica sera alle ore 20.45 è in programma l’attesissimo confronto tra Hellas Verona e Milan. La recente sosta per le Nazionali paradossalmente è servita più alla compagine di mister Marco Giampaolo, piuttosto che al collettivo scaligero.

I padroni di casa gialloblù infatti hanno iniziato il campionato con il piede giusto, strappando un punto con le unghie all’esordio contro il Bologna e centrando successivamente il colpaccio esterno al «Via del Mare» di Lecce. L’ultimo giorno di mercato ne ha rafforzato le ambizioni, portando in dote quel Mariusz Stepinski che ieri nella conferenza di presentazione si è definito desideroso di disputare la miglior stagione della sua carriera, aiutando la squadra a raggiungere l’obiettivo salvezza. Juric nel posticipo potrà inoltre contare sulla spinta di un Bentegodi vestito a festa, che con tutta probabilità sforerà il muro dei 15000 spettatori.

Gli ospiti si addentrano in questa terza giornata dopo un avvio claudicante. Il successo interno di misura alla «seconda» contro il Brescia ha conferito infatti ossigeno ad un ambiente rossonero che confida nella trasferta veronese per curare un «problema-gol» che sta diventando sempre più preoccupante. Per riuscire nell’intento, il tecnico ex Samp si affiderà verosimilmente al rodato 4-3-1-2 sviluppato per tutto l’arco della preparazione, con la variabile Rebic che a partita in corso potrebbe mutare veste al «Diavolo», portandolo verso quel tridente supportato da gran parte della stampa nazionale.

Proprio il nuovo acquisto prelevato dall’Eintracht, finalista in Coppa del Mondo con la Croazia, rappresenta l’unico «ex» della partita per i rossoneri: Rebic ha infatti vestito in dieci occasioni la casacca gialloblù nella stagione 2015/16, terminata con la retrocessione nella Serie Cadetta.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.