Gubbio-Virtus Verona, la vigilia di Gigi Fresco

Domani alle 15 fischio d'inizio di Gubbio-Virtus Verona. Mister Gigi Fresco alle prese con qualche infortunio di troppo.

Gigi Luigi Fresco virtus verona a cesena
L'allenatore della Virtus Gigi Fresco

Alla vigilia di Gubbio-Virtus Verona, parla il mister Gigi Fresco. Archiviata la sconfitta all’esordio contro il Padova, per la Virtus arriva il giorno della prima (lunga) trasferta di campionato. Rossoblu domani alle 15 di scena al Barbetti di Gubbio.

Queste le parole dell’allenatore poco prima della partenza alla volta dell’Umbria: «È stata una settimana un po’ complicata per via di alcuni infortuni che preferivamo evitarci. Danti è rimasto a casa per un infortunio muscolare lamentato durante la gara col Padova. Abbiamo preferito preservarlo, evitandogli anche un lungo viaggio. Vannucci resta ancora ai box così come Gasperi che deve scontare un altro turno di squalifica dallo scorso campionato».

Alcuni invece sono partiti per Gubbio pur non essendo al top. «Lupoli non è al meglio ma è partito regolarmente insieme ai compagni così come Manfrin. Non ci facciamo comunque troppi problemi, la rosa è ampia e molto valida. Non mi preoccupa tutto questo anche se, ripeto, avrei preferito avere tutto il gruppo a disposizione».

Dal Padova al Gubbio: «Domenica scorsa non meritavamo di perdere, gli episodi hanno fatto la differenza. Dovremo essere bravi ad evitare certe situazioni. Abbiamo il compito di muovere la classifica, indipendentemente dall’avversario che avremo di fronte».

Che formazione scenderà in campo? «Il modulo sarà ancora 4-3-1-2 con Da Silva o Manarin dietro le punte. Davanti le scelte sono obbligate, negli altri ruoli ho tanti dubbi che scioglierò poco prima di entrare in campo».

Prima di Gubbio-Virtus Verona un pensiero agli ultimi giorni di mercato: «Con l’innesto di Di Paola abbiamo coperto un ruolo delicato, continuiamo a guardarci attorno ma senza ansie particolari o assilli».