Calcio femminile: è nato il Chievo Fortitudo Women

Ieri, nella cornice del Bottagisio Sport Center, la presentazione ufficiale dell'affiliazione della squadra femminile Fortitudo Mozzecane all’A.C. ChievoVerona.

A luglio la sottoscrizione di un accordo di collaborazione tra l’A.C. ChievoVerona e la società Fortitudo Mozzecane. Ieri, 19 agosto 2019, la presentazione ufficiale dell’affiliazione della squadra femminile di Mozzecane alla società clivense.

Nella cornice del Bottagisio Sport Center l’unione di energie, obiettivi e passione è diventata realtà: il Chievo Fortitudo Women muove il primo passo del suo cammino, che si preannuncia pieno di sfide e di possibilità di crescita.

Ad aprire la conferenza le parole del presidente A.C. ChievoVerona Luca Campedelli, il quale ha ringraziato il Presidente della Fortitudo e i loro dirigenti. «Con tutti è scoccata subito la scintilla – racconta Campedelli -. In poco tempo abbiamo trovato l’accordo e sono contento di poter ricominciare un percorso che abbiamo interrotto pochi mesi fa».

Seguono a ruota le parole di Sergio Pellissier, Responsabile dell’Area Tecnica dell’A.C. ChievoVerona. «Dopo una stagione difficile era giusto ripartire da una società sana – commenta Pellissier -. Per noi è un onore avervi al nostro fianco, non si deve fare il passo più lungo della gamba, ma anzi crescere insieme gradualmente per creare qualcosa di nuovo e duraturo nel tempo. Con voi tutto questo sarà possibile e sarà bello viverlo insieme».

Ringraziamenti poi anche da parte di Giuseppe Boni, Presidente Fortitudo Mozzecane. «La Fortitudo – ricorda Boni – cercava di realizzare questo tipo di progetto da tanti anni. È nato tutto all’improvviso e avendo trovato nel ChievoVerona delle splendide persone abbiamo immediatamente chiuso con loro l’accordo».

A chiudere le parole di Valeriano Bragantini e Diego Zuccher, rispettivamente Direttore sportivo e allenatore della Fortitudo Mozzecane. «Il calcio femminile sta cambiando – esordisce Bragantini -, abbiamo voluto costruire una squadra di livello tecnico superiore rispetto all’anno scorso, ma scegliendo sempre prime delle persone e poi delle giocatrici. Il livello del campionato si è alzato rispetto a dodici mesi fa. Sognare è sempre lecito, certo vogliamo mantenere la categoria ma sono sicuro che le ragazze insieme a mister Zuccher ci sapranno regalare tante soddisfazioni».

«Ci sentiamo pronti – incalza Zuccher -. Abbiamo la consapevolezza di avere alle spalle due grandissime società che fanno della serietà del lavoro una delle caratteristiche fondamentali. Vogliamo migliorare il quarto posto dell’anno scorso. Per farlo bisogna raggiungere il prima possibile la salvezza e pensare poi alla parte alta della classifica».​