Arena Volley. Giulia Brignole: «Playoff? Potrebbe essere l’anno giusto»

Quarto anno in Vivigas Arena Volley per  l’opposto, che ha deciso di continuare la sua avventura a Castel d’Azzano, per centrare un obiettivo ben chiaro.

Giulia Brignole

Ormai siamo agli sgoccioli. Mancano infatti ancora poco più di venti giorni e poi inizierà la preparazione in vista del nuovo campionato, il quarto consecutivo in Vivigas per Giulia Brignole, che già a giugno aveva deciso di rimanere: «Praticamente la scelta è stata fatta senza pensarci un attimo. Da quando sono arrivata – spiega – la società mi ha accolto nel miglior modo possibile, facendomi stare veramente bene. Inoltre – aggiunge – lo scorso campionato mi sono trovata benissimo con il coach Marcello Bertolini, con il quale ho parlato subito dopo la fine del campionato confermandomi che sarebbe rimasto anche quest’anno, quindi non ho avuto dubbi su cosa fare».

Rimanendo in un ambiente per Giulia ormai familiare. «Cambiando non si sa a cosa si potrebbe andare incontro, e per questo ho preferito rimanere in un ambiente che conosco e che mi può dare tante certezze. Mi ha fatto piacere ricevere delle richieste da parte di qualche società, ma già a giugno avevo già deciso di giocare ancora un anno con Vivigas Arena Volley».

Giulia è quindi pronta per disputare un altro campionato in Serie B1, con un obiettivo ben chiaro: «Ho visto la composizione dei gironi, e più o meno devo dire che mi aspettavo di dover giocare contro quasi tutte le squadre dello scorso campionato. In più ci sono le neo promosse e le due cremonesi, ma per fortuna non abbiamo una squadra dalla Sardegna, altrimenti avremmo dovuto sobbarcarci una trasferta lunghissima. Ora – prosegue – dovremo vedere come saranno composti i vari roster, ma sono convinta che potremo toglierci delle soddisfazioni. E visto che non ho mai avuto l’occasione di farli, vorrei fare l’esperienza di giocare i play off».

Grazie ad una squadra sulla carta competitiva e dalle buone potenzialità l’atleta è ottimista: «Vedendo il nostro roster, penso che ci sia un buon connubio tra giocatrici giovani e di esperienza. Starà a noi trovare la giusta amalgama, e al coach Bertolini trovare la giusta chiave di volta, ma di questo sono sicura che ci riuscirà sicuramente». Soprattutto anche perché quest’anno avrà la possibilità di plasmare dal primo giorno la squadra, a differenza dello scorso campionato quando aveva preso in mano il timone di Vivigas durante la pausa natalizia. «Sono curiosa e ansiosa di vedere come Bertolini imposterà il lavoro dalla preparazione. L’anno scorso è stato bravo anche a gestire la situazione che si era creata, e sinceramente non so in quanti avrebbero voluto prendersi la responsabilità di provare a prendere in mano la squadra».

Le premesse per far bene dunque ci sono tutte. «Secondo me ci divertiremo, e spero si possano divertire anche i tifosi come hanno fatto nelle ultime partite dello scorso campionato, facendoci sentire il loro sostegno, che è stato per noi una spinta decisiva. Se quando andremo in palestra non sentiremo il peso della borsa da portare – conclude – significherà che saremo sulla strada giusta!»