Tennis: Osaka regina della Wta

Serena Williams sale all'ottavo posto. Giorgi 51/a è la prima azzurra in classifica. Nella classifica Atp, invece, Fognini ritorna in Top Ten.

tennis ranking osaka

Anche il computer Wta ufficializza la notizia che era nota da qualche giorno, ovvero il ritorno sul trono di Naomi Osaka, che scalza Ashleigh Barty dopo sette settimane in vetta.

Dietro all’australiana, completa il podio la ceca Karolina Pliskova, stabile, come le altre quattro giocatrici che la seguono (nell’ordine la rumena Simona Halep, l’olandese Kiki Bertens, l’altra ceca Petra Kvitova e l’ucraina Elina Svitolina). L’unica altra variazione nella top 10 mondiale è infatti il progresso di Serena Williams, che con la finale nel Premier 5 di Toronto si porta in ottava posizione, relegando alla decima la connazionale Sloane Stephens.

Il trionfo nel torneo canadese consente di balzare al 14esimo posto a Bianca Andreescu, che migliora il proprio best ranking. Risale una posizione Camila Giorgi nella classifica pubblicata stamane dalla WTA: la 27enne marchigiana è adesso al numero 51, confermandosi la prima delle tenniste azzurre.

Alcune variazioni – dalla quinta posizione in giù però – anche nella top ten del ranking mondiale Atp, sempre guidata da Novak Djokovic, alla 40esima settimana consecutiva al comando, ora con 4.380 punti di vantaggio su Rafa Nadal, che ha confermato il titolo nella “Rogers Cup”.

In terza posizione sempre Roger Federer, poi Dominic Thiem, mentre i punti in scadenza della finale 2018 nel “1000” canadese non confermata fanno scivolare al settimo posto il Next Gen Stefanos Tsitsipas, sopravanzato da Kei Nishikori (5°) e Alexander Zverev.

Nuovo best ranking per il russo Daniil Medvedev, che grazie alla finale a Montreal si porta in ottava posizione scavalcando il connazionale Karen Khachanov, mentre la notizia che più fa piacere agli appassionati italiani è il ritorno in top ten dell’azzurro Fabio Fognini, con 160 punti di margine sullo spagnolo Roberto Bautista Agut, 11esimo, suo record personale. (Ansa)