Quintarelli terzo a Sugo, c’è ancora speranza per il Titolo

Con il podio ottenuto lo scorso weekend assieme al compagno di squadra Tsudo Matsuda, Ronnie Quintarelli tiene viva la speranza di poter agguantare il quinto titolo in Super GT nell'ultima gara a Motegi. Sfida difficile, ma la matematica non condanna ancora la Nissan GT-R 500 n.23.

La speranza è l’ultima a morire. Lo sa bene Ronnie Quintarelli, il pilota ufficiale della casa automobilistica Nissan Nismo che, grazie al terzo posto ottenuto con il compagno di squadra Matsuda domenica scorsa sul circuito di Sugo, nella settima prova del campionato Super GT, tiene vivo il sogno di raggiungere il sogno del quinto titolo personale di categoria.

Certo, a Motegi, il prossimo 3 novembre, nell’ultima gara del 2019, servirà un mezzo miracolo: pole della Nissan GT-R 500, vittoria finale e zero punti per il team Lexus Lemans Wako’s che attualmente si trova in cima alla classifica. Una combinazione decisamente fortunata che, tuttavia, potrebbe ancora uscire dal cilindro delle possibilità di uno sport che ha sempre riservato sorprese.

Tornando alla gara di Sugo, dopo un difficile weekend ad Autopolis, Ronnie Quintarelli si è schierato al via consapevole che avrebbe avuto bisogno almeno di un podio (e di stare davanti ai rivali diretti) per rimanere in corsa per il campionato. Grazie alle zavorre ridotte, che corrispondevano ai punti in campionato degli equipaggi, Quintarelli ed il compagno di scuderia Tsugio Matsuda hanno approfittato di una situazione favorevole.

Nelle prove libere, la Nissan GT-R numero 23 si è dimostrata competitiva, cosa che ha aumentato le aspettative per la qualifica. Nel Q1 è sceso in pista Matsuda, ma è stato rallentato da una vettura che precedeva ad andatura ridotta. Lo stretto tracciato di Sugo non gli ha permesso di farsi largo, e Matsuda si è trovato bloccato mentre le sue gomme erano al picco della performance. Nel giro successivo, con il grip che stava già calando, ha fatto segnare il decimo tempo, restando fuori dal passaggio in Q2. Il risultato del sabato si è così rivelato una delusione per il team, considerando l’ottimo passo mostrato.

La Nissan Nismo GT-R 500 in pista a Sugo.

Per la gara, le previsioni del tempo annunciavano acqua e, in quel caso, ci sarebbe stata possibilità di rimontare anche grazie ai grandi passi avanti fatti dal “gommista” Michelin in quelle condizioni. Poco prima del giro di formazione, la pioggia ha iniziato a cadere, e Ronnie è così partito con gomme intermedie. Al via si è subito mostrato velocissimo, sorpassando tre vetture e portandosi al settimo posto nel giro d’apertura. Il resto dello stint è stato altrettanto competitivo, e l’ha visto recuperare fino alla quarta posizione. Per minimizzare il rischio strategico in caso di una safety-car, la squadra ha scelto di effettuare il pit-stop anticipatamente, e la mossa si è rivelata azzeccata. Poco dopo il rientro in pista di Matsuda, la gara è infatti stata neutralizzata. In quel momento, Matsuda era quinto, ma con un gruppo molto ravvicinato. Al re-start, tutte le vetture che si erano appena fermate hanno faticato, dato il ridotto grip delle gomme intermedie al riprendere della pioggia. Matsuda ha fatto del suo meglio per tenere la vettura in pista in condizioni difficili, e ha concluso al terzo posto.

«Il terzo posto è un risultato molto positivo per noi, così come positivo è stato conquistare il quarto podio della stagione in sette gare disputate. – afferma Ronnie Quintarelli – In campionato siamo saliti al terzo posto e abbiamo ridotto il gap dai primi. Possiamo lottare per il titolo nell’ultima gara di Motegi, anche se saremo costretti ad ottenere la pole position e vincere sperando che la macchina di vertice non prenda nessun punto. Noi del Team NISMO potremmo essere gli unici ad impensierire le due Lexus che guidano il campionato. Questo per noi è molto importante, e ci darà una gran carica per l’ultimo appuntamento stagionale. In vista di Motegi potremo prepararci al meglio anche durante la finale del DTM a Hockenheim, che disputeremo la settimana prossima in Germania».

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.