Sonny Brunoro torna in campo con i Mastini Verona

C’è un gradito ritorno in campo tra i nuovi acquisti degli Agsm Aim Mastini Verona: si tratta del defensive back bolzanino Sonny Brunoro, fermo dal 2019 prima a causa di un infortunio e poi per aiutare l'ospedale della sua città durante la pandemia.

Sonny Brunoro Mastini Verona
Sonny Brunoro. Foto Nicola Vivian
New call-to-action

Sonny Brunoro torna in campo con i Mastini Verona

C’è un gradito ritorno in campo tra i nuovi acquisti degli Agsm Aim Mastini Verona. Si tratta di Sonny Brunoro, defensive back bolzanino con grande esperienza nella massima serie, è lontano dai campi dal 2019. Prima, l’infortunio alla spalla che lo costrinse a dare forfait in quella stagione in serie A2, poi l’arrivo della pandemia che lo vede ancora oggi in prima linea a dare il proprio contributo tra le corsie dell’ospedale della sua città.

Un contributo che il nuovo numero tredici scaligero vuole dare nuovamente per i Mastini in un campionato così importante come la Italian Football League. Trent’anni il luglio prossimo, Sonny Brunoro è già agli ordini di coach Franco Bernardi. Ed è pronto anche ad amalgamarsi nuovamente nei meccanismi difensivi capitanati dal coordinatore difensivo Daniele Rossi. Ne parla emozionato del suo ritorno in campo il cornerback altoatesino.

LEGGI LE ULTIME NOTIZIE DI SPORT

«Dopo tante stagioni in serie A giocate a Bolzano torno a giocare in IFL con i Mastini Verona. Non può che essere un’emozione immensa. Ritroverò in squadra Vescovini, Camilli e altri italiani con cui ho giocato in passato. Con loro anche Bryant Hayes, con cui ho avuto la fortuna di condividere il campo qualche stagione fa con i Giants. Essere nella difesa di coach Rossi, Costanzo e Gennaro è da brividi. Sarà una sfida inserirmi nel migliore dei modi nel sistema di gioco in una difesa che si preannuncia davvero forte. Questo campionato IFL 2022 da underdogs, è così che siamo visti, mi spinge a voler dimostrare che i Mastini meritano un posto nel campionato più importante. Ho voglia di tornare a vincere. Quella è la cosa più importante».