Sesta vittoria Scaligera Basket: a Lecce battuta anche Nardò

Continua a volare la Scaligera Basket. A Lecce si impone per 68-81 sulla Next Nardò. Per la Tezenis è la sesta consecutiva, in classifica saldamente al terzo posto.

Nardò-Scaligera Basket

La Tezenis Verona vince la sesta gara consecutiva. Nella 19^ giornata di campionato i gialloblù di coach Ramagli conquistano il successo in trasferta, a Lecce, contro la Next Nardò vincendo con il punteggio di 68 a 81. Una gara alla quale la Tezenis, già nel primo parziale, ha dato una forte impronta chiudendo con 12 punti di vantaggio, mai recuperato dalla formazione di casa.

Verona conduce in porto una gara condotta praticamente dall’inizio; 8 i giocatori a segno durante la partita, 4 in doppia cifra (Johnson 15, Candussi 14, Caroti 11, Anderson 10) e la doppia-doppia firmata da Xavier Johnson (15 punti, 11 rimbalzi). Per la Tezenis la gara vinta sul campo di Lecce vale la sesta vittoria consecutiva dopo quelle conquistate contro Fabriano, Ferrara, Cento, Forlì e Ravenna, che conferma l’imbattibilità nel 2022.

La cronaca della partita

Coach Ramagli inizia la gara con Caroti, Anderson, Rosselli, Johnson e Pini. I primi due punti della gara sono di Pini ma con Amato e Thomas, Nardò allunga fino al 6 a 2. I padroni di casa hanno più possessi per allungare ma sull’asse Rosselli-Johnson la Tezenis costruisce il sorpasso sul 6-7. Verona prosegue nel break (0-10) e la tripla di Caroti vale il 6-12. Nardò trova quattro punti consecutivi con Ferguson ma il finale di quarto è tutto di Verona. Con la tripla di Anderson la Tezenis chiude i primi 10 minuti con un vantaggio di 12 punti, 10-22.

Verona prova a guadagnare nuovo terreno, Nardò combatte per rimanere in scia. Il canestro di Candussi conferma il +11 di Verona; Leonzio e Candussi sono protagonisti di un botta e risposta dalla lunga distanza (19-30) e con Casarin, due rimbalzi consecutivi in attacco e 4 punti, la Tezenis conferma il vantaggio a metà parziale. È qui che arriva il break della Next; dopo il fallo offensivo di Grant, La Torre firma il -6 (30-36) a tre minuti dalla chiusura del parziale. Le difese delle due squadre bloccano gli attacchi avversari per quasi tre minuti. È negli ultimi secondi che il punteggio torna a muoversi: Johnson e Anderson da una parte e Ferguson dall’altra. Si chiude sul 33-41.

LEGGI ANCHE: Incendio in appartamento a San Giovanni Lupatoto, tre persone ferite

Caroti-Thomas aprono il secondo tempo. La Tezenis sfrutta l’occasione di tornare in doppia cifra di vantaggio con la tripla di Johnson che dalla lunga distanza firma il 39-49; con Thomas protagonista da una parte, Johnson conquista il nuovo break dei gialloblù costringendo Ferguson al fallo antisportivo (41-53). Con il nuovo possesso la Tezenis costruisce una nuova conclusione da tre punti, finalizzata da Candussi (41-56); Nardò si sblocca con Leonzio, da tre punti, ma per la Tezenis il vantaggio a fine del terzo quarto è ancora in doppia cifra: 48-60.

La Tezenis parte fortissimo nell’ultimo quarto. È subito break di 0 a 4 (48-64) e dopo la schiacciata di Candussi coach Gandini ferma il gioco. La Next prova il tutto per tutto alzando il ritmo ma la Tezenis tiene saldamente il campo. Spanghero conferma il +13 (59-72) e negli ultimi minuti i gialloblù gestiscono senza sbandamenti. Finisce 68-81.

LEGGI ANCHE: Medici di base, ancora 146 zone carenti nel Veronese

Il tabellino: Next Nardò-Tezenis Verona 68-81 (10-22, 23-19, 15-19, 20-21)

Next Nardò: Quintrell Thomas 19 (5/8, 0/0), Jazzmarr Ferguson 12 (4/5, 1/6), Ennio Leonzio 11 (1/4, 2/4), Andrea La torre 9 (3/3, 1/1), Mitchell Poletti 7 (2/4, 1/7), Andrea Amato 6 (1/3, 0/5), Mihajlo Jerkovic 4 (2/4, 0/1), Matteo Fallucca 0 (0/0, 0/3), Dimitrije Jankovic 0 (0/1, 0/0), Matteo Leopizzi 0 (0/0, 0/0), Bogdan Mirkovski 0 (0/0, 0/0), Antony Tyrtyshnik 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 17 / 19 – Rimbalzi: 32 10 + 22 (Quintrell Thomas 12) – Assist: 13 (Ennio Leonzio, Andrea Amato 4)

Tezenis Verona: Xavier Johnson 15 (5/11, 1/3), Francesco Candussi 14 (4/5, 2/3), Lorenzo Caroti 11 (1/3, 3/5), Karvel Anderson 10 (1/3, 2/6), Guido Rosselli 9 (3/6, 1/3), Davide Casarin 9 (3/5, 0/1), Marco Spanghero 7 (2/2, 1/3), Giovanni Pini 6 (2/5, 0/0), Liam Udom 0 (0/1, 0/1), Sasha mattias Grant 0 (0/0, 0/0), Nikola Nonkovic 0 (0/0, 0/0), Emmanuel Adobah 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 9 / 12 – Rimbalzi: 35 12 + 23 (Xavier Johnson 11) – Assist: 15 (Guido Rosselli 5)

LEGGI LE ULTIME NOTIZIE DI SPORT

Coach Alessandro Ramagli
Coach Alessandro Ramagli

Il commento del coach

Al termine della gara, coach Ramagli ha commentato: «Sapevamo sarebbe state una partita così. Loro hanno cercato di utilizzare le loro armi, noi siamo stati abbastanza bravi con costanza a sporcare i loro tiri da tre punti. Nardò è la squadra che tira di più dalla lunga distanza dall’arrivo di Andrea Amato, hanno fatto un po’ di più la partita i lunghi ma questo lo sapevamo, era un po’ il rischio da correre per stare un po’ più vicini alla palla con due giocatori».

«Abbiamo sempre controllato ma mai rotto e spaccato la partita; se devo trovare un deficit lo trovo in questo, nella capacità solamente accendendoci e spegnendoci di capire il ritmo della partita e l’altro aspetto è nel fare giocate semplici nel momento in cui non c’era bisogno di fare forzature considerando che abbiamo sempre condotto. Però sapevamo che la partita sarebbe stata questa, non siamo andati molto lontani dal canovaccio che ci aspettavamo».

CALCIO: TUTTI I RISULTATI IN TEMPO REALE, DALLA SERIE A AI DILETTANTI

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM

radio adige tv