Scaligera Basket, al lavoro per una squadra competitiva

In occasione del 12° Premio Verona Network, l’intervista ad Alessandro Frosini, Direttore Sportivo della Scaligera Basket Verona, candidata nella categoria Sport.

Alessandro Frosini Scaligera Basket

In occasione del 12° Premio Verona Network, l’intervista ad Alessandro Frosini, Direttore Sportivo della Scaligera Basket Verona, candidata nella categoria Sport. 

Come nasce la vostra realtà
La Scaligera Basket Verona ha una storia importante alle spalle, che ci porta indietro di tantissimi anni. La realtà odierna è una nuova società, presa in mano dalla famiglia Pedrollo più di una decina d’anni fa, che pian piano è stata portata al livello più alto della pallacanestro italiana. I primi anni in Serie A2 sono stati sicuramente non facili, con la squadra che aveva sempre l’ambizione di puntare in alto, ma ha trovato difficoltà nell’affrontare i campionati. Piano piano, però, si è stabilizzata sempre nei piani alti della classifica. 

Dopo l’incredibile risultato della scorsa stagione a cosa state lavorando per il futuro? 
Dopo la vittoria del campionato della scorsa stagione, arrivato con una cavalcata trionfale dentro un play-off veramente duro, adesso abbiamo davanti ovviamente una sfida importante: giocarci la serie A e farci trovare pronti per questa importante vetrina.

Stiamo lavorando per costruire la squadra nel migliore dei modi, per poter competere con le tante rivali che avremo. La Serie A è un campionato a 16 squadre molto combattuto: a parte poche eccezioni, quali Milano, Bologna e anche Venezia, le altre squadre sono più o meno nella stessa fascia, sia per classifica che per mercato. In questo momento stiamo cercando di completare la squadra: mancano ancora tre pedine fondamentali, che saranno tre stranieri; i ruoli da coprire sono il tre e il cinque, che sono i ruoli più importanti, e poi dovremo trovare un altro giocatore da affiancare a Xavier Johnson, reduce dalla scorsa stagione.

SCOPRI TUTTI I CANDIDATI AL PREMIO VERONA NETWORK 2022


Che cosa la motiva quotidianamente nel suo lavoro?
Ovviamente la grande passione per la pallacanestro. Sono stato un ex giocatore, ho avuto la fortuna, dopo aver smesso di giocare, di iniziare questa carriera da direttore sportivo. Oltre alla passione per questo sport, una grande motivazione è essere a Verona, che considero la mia casa: sono arrivato qui molto giovane, agli inizi della mia carriera da giocatore, e oggi essere un dirigente importante per la stessa società che mi ha lanciato è già una grandissima motivazione.

La cerimonia di consegna del Premio Verona Network 2022 si terrà giovedì 14 luglio 2022, dalle 19:30, al teatro Vittoria di Bosco Chiesanuova. È possibile registrarsi all’evento cliccando qui.

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI
PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM

radio adige tv