Riforma del sistema sportivo, convegno a Verona con l’UsAcli

Luci e ombre sulla riforma del sistema sportivo: se ne parla al Payanini Center di Verona al convegno del 7 ottobre, promosso dal consigliere regionale Alberto Bozza e da UsAcli Verona con il presidente Biasi.

Convegno UsAcli-Bozza - Riforma sistema sportivo sport

Convegno a Verona sulla riforma del sistema sportivo

Conferenza stampa negli scorsi giorni in Comune, a Palazzo Barbieri, del consigliere regionale e comunale di Forza Italia Alberto Bozza, che ha presentato il convegno del 7 ottobre “Riforma del sistema sportivo: luci e ombre nella prima fase d’attuazione” che si terrà a Verona, al Payanini Center, alle 10 ed è promosso dal gruppo consiliare della Regione Veneto, in collaborazione con UsAcli di Verona, rappresentata dal presidente Giuseppe Biasi e dalla vicepresidente Cristina Zantedeschi.

Bozza, componente della Consulta regionale dello Sport e componente della Commissione Politiche per lo Sport del Consiglio regionale, ha sottolineato che il convegno «sarà di carattere tecnico con relatori di calibro nazionale, l’intento è spiegare, chiarire e informare società e associazioni sportive sulle novità legislative introdotte dalla riforma entrata in vigore il 1 luglio e sulla quale oggi riscontriamo da parte loro perplessità e criticità, data la complessità tecnica delle nuove regole».

LEGGI ANCHE: Al Consorzio ZAI il Premio Verona Network 2024

Guarda le interviste

«Il convegno – ha continuato Bozza – è il primo appuntamento a Verona che mira a offrire un supporto agli operatori del settore sportivo per fare luce sulla riforma, è aperto a tutte le realtà sportive e gratuito e ci aspettiamo un affluenza numerosa date la richiesta di prenotazioni che già stiamo riscontrando».

Bozza, da anni impegnato sul piano istituzionale a seguire il mondo dello sport prima da assessore a Verona e ora in Regione Veneto con la Consulta, ha ricordato «il grande peso specifico che ha il nostro movimento sportivo in Veneto e a Verona, dove è un’eccellenza nazionale. Ed è un riconoscimento di grande valore aver inserito lo sport nella Costituzione».

LEGGI ANCHE: Installato a Verona un sistema di irrigazione degli alberi con sacchi di acqua

La vicepresidente di Us Acli Verona Zantedeschi ha spiegato perché ha voluto collaborare all’organizzazione del convegno: «Noi siamo un ente di promozione apolitico e apartitico che ha l’obiettivo di portare conoscenza nell’ambito sportivo e sociale-culturale. Abbiamo 4500 associati e 47 ASD (Associazioni sportive dilettantistiche) affiliate. Il convegno del 7 ottobre vuole fare chiarezza e aiutare il mondo sportivo a conoscere la riforma del sistema sportivo che qualche problema nell’attuazione sta creando».

Biasi, presidente di Us Acli Verona, ha ringraziato Bozza «che da componente della Sesta Commissione e della Consulta dello Sport regionale ha sottomano tutta la situazione delle realtà sportive associative del Veneto», ed è entrato nel dettaglio sul convegno: «Sarà un appuntamento di grande rilevanza sul piano tecnico perché avremo come relatori due dei massimi esperti in merito alla riforma sportiva, Damiano Lembo, coordinatore nazionale di tutti gli enti di promozione e Fabio Romei, docente alla Scuola dello Sport e alla Luiss. La riforma sta apportando una rivoluzione nel mondo dello sport e come tutti i cambiamenti epocali genera dubbi e insicurezza, con delle zone d’ombra nella sua attuazione poiché sono state già apportate delle modifiche e altre ne seguiranno. Affronteremo il tema dell’introduzione del Lavoro Sportivo, dell’adeguamento degli Statuti entro fine anno e della riforma del Terzo Settore».

Presenti in sala alla conferenza anche il consigliere comunale Luigi Pisa, e i consiglieri di circoscrizione Luisa Sartori e Claudio Perbellini.

LEGGI ANCHE: Zanzare: nelle farmacie veronesi il kit antilarvale a prezzo calmierato