Quintarelli lotta al top al Fuji ma conclude il SuperGT al sesto posto

Per il gran finale della stagione 2020, il SuperGT giapponese si è schierato per quarta volta quest’anno al Fuji Speedway. Nonostante l’appuntamento decisivo si sia rivelato poco felice in termini di esito finale, Quintarelli ha completato una stagione positiva. Il team NISMO ha incamerato la top-5 nella graduatoria a squadre.

Per il gran finale della stagione 2020, il SuperGT giapponese si è schierato per quarta volta quest’anno al Fuji Speedway. Ronnie Quintarelli ed in Team Ufficiale NISMO si sono presentati per l’appuntamento decisivo al terzo posto in classifica e con una chance di lottare per il titolo alla pari con gli avversari. I risultati delle qualifiche hanno visto Q1: Tsugio Matsuda al sesto posto (1:27.188) e Q2: Ronnie Quintarelli al sesto (1:27.130), con condizioni atmosferiche di sereno, pista asciutta.

Già dalle prove libere del sabato mattina, il team ha compreso che il weekend non sarebbe stato facile in termini di gestione delle gomme, dato che temperature così basse come quelle trovate al Fuji (meno di 10°) risultano molto impattanti sulle mescole aggressive utilizzate nel SuperGT. A dispetto delle difficoltà, il team ha preparato la qualifica al meglio del proprio potenziale, ed il sesto posto conquistato da Quintarelli in Q2 è stato il massimo risultato possibile, con buone prospettive per la gara.

Risultati della gara, posizione finale: 9, con condizioni atmosferiche: sereno, pista asciutta. Miglior giro in gara: 1’29.268. Quintarelli ha guidato la Nissan GT-R numero 23 alla partenza, con il difficile compito di mandare le gomme in temperatura sin da subito. Spingendo al massimo, è riuscito a completare un primo giro eccellente, prendendo addirittura il comando con un magnifico sorpasso all’esterno di tre avversari.

Dopo aver messo a segno diversi giri veloci, il degrado degli pneumatici è però entrato pesantemente in gioco, con la vettura NISMO che, in pochi passaggi, è scesa in nona posizione. Appena possibile, il team ha effettuato la sosta per il cambio di gomme e pilota, adottando una mescola differente, ma anche il compagno di squadra di Quintarelli, Tsugio Matsuda, ha sofferto delle medesime problematiche. Alla fine, ha terminato nono, concludendo insieme a Quintarelli al sesto posto in classifica. Nonostante l’appuntamento decisivo si sia rivelato poco felice in termini di esito finale, Quintarelli ha completato una stagione positiva che l’ha visto centrare due successi e lottare insieme a Matsuda fino all’ultimo round. Inoltre, il team NISMO ha incamerato la top-5 nella graduatoria a squadre

Ronnie Quintarelli ha così commentato: «Anche questo weekend abbiamo dato il massimo, e riuscire a far sognare i nostri tifosi nei primi giri di gara è stata la cosa più bella del fine settimana del Fuji. Con temperature dell’asfalto così basse, le nostre gomme non hanno retto, ed il nono posto finale è stato il massimo che abbiamo potuto raccogliere. In una stagione difficile come quella che abbiamo vissuto, le due vittorie di Suzuka hanno comunque ricompensato i nostri grandi sforzi per continuare a migliorarci».

«Purtroppo, al Fuji ci è sempre mancato qualcosa per poter veramente lottare per la vittoria. Vorrei ringraziare tutti i membri del team per il grande lavoro svolto durante il campionato nel cercare di metterci a disposizione sempre la miglior vettura possibile, nonché  tutti i tifosi per il grande supporto fino all’ultima curva dell’ultimo giro» conclude.

LEGGI LE ALTRE NEWS DI SPORT