Nbv Verona sconfitta 3-1 contro la Lube

Dopo due set di bastonate, gli uomini di Stoytchev aggiustano la partita e si aggiudicano il terzo set, insufficiente però a garantirgli la vittoria.

All’Eurosuole di Civitanova, Verona cede il passo ai campioni della Lube che s’impongono per 3-1 e portano a casa il bottino pieno. Dopo due set senza storia, gli uomini di Stoytchev mettono in campo tutto il proprio orgoglio, aggiustano la difesa e riaprono la partita, chiudendo il terzo sul 19-25. Purtroppo non basta perché i cucinieri dilagano nel quarto set e fanno loro il match a suon di ace.

Primo set

Il sestetto iniziale scelto da Stoytchev è composto da Jaeschke, Spirito, Jensen, Caneschi, Kaziyski, Aguenier e Donati libero. Partenza tirata che vede però i cucinieri portarsi sul parziale di 7-5 grazie soprattutto a De Cecco, abile nel distribuire palla nonostante il servizio insidioso di Verona. Kaziyski mette a segno una pipe di potenza e carica i suoi, ma la Lube pesca un buon turno al servizio di Juantorena e trova la fuga sul 15-9. Jensen è il più efficace tra gli scaligeri, ma Simon dilaga al centro della rete e Hadrava continua ad essere una spina nel fianco per il muro veronese. I padroni di casa chiudono il set con un secco 25-17 grazie al pallonetto di Leal che coglie alla sprovvista la retroguardia veronese.

Secondo set

Verona continua a soffrire il servizio dei cucinieri che mettono a terra 2 ace e s’involano sul 10-5. Il monster block di Spirito su Leal rilancia i gialloblù, ma la Lube si riporta subito in possesso con Juantorena. Simon non perdona alcuna incertezza degli scaligeri sottorete e porta i suoi sul 18-9. Jaeschke chiude la porta in faccia ad Hadrava, ma sono sempre gli uomini di De Giorgi a comandare e non danno segno di cedimento. Il punto del definitivo 25-12 arriva con capitan Juantorena.

Terzo set

Spirito e compagni cercano la reazione nel terzo set, trovandola con una partenza fulminante: 5-12 il parziale dopo i primi scambi con Jensen a guidare la riscossa gialloblù e un muro che sembra aver ritrovato smalto. Donati si lancia su ogni pallone in difesa e Caneschi torna a far male al centro della rete, ma la Lube si aggrappa ad Hadrava che spinge forte al servizio e da seconda linea. 11-14 ora il parziale. Capitan Kaziyski suona la carica martellando al servizio e conduce i suoi a +7. La ricezione veronese risponde colpo su colpo ai cucinieri che provano a cambiare marcia con Yant al posto di Juantorena, ma il tabellone continua a sorridere agli ospiti che non mollano e chiudono il set sul definitivo 19-25.

Quarto set

Inizio di set combattutissimo, con Verona che cerca di cavalcare l’onda dell’entusiasmo per riaprire il match. La Lube però spinge forte al servizio e la ricezione gialloblù vacilla concedendo troppo ai cucinieri che volano a +3. I padroni di casa innescano una serie di battute con un Simon devastante che mette a segno 3 ace di fila e allargano il divario, portandosi così sul 23-12. A nulla valgono i tentativi di riaprire il set: la partita termina sul definitivo 25-12 con un primo tempo dell’ex Anzani che determina il 3-1 finale.

Il commento di Matey Kaziyski

«Sicuramente l’impegno non è bastato. Ad inizio partita abbiamo messo in campo un gioco troppo prevedibile, poi ci siamo ripresi, ma contro una squadra come la Lube non puoi permetterti questi “ritardi”. Mi dispiace soprattutto perché torniamo a casa senza neanche un punto. Abbiamo subito troppo in ricezione, soprattutto nel quarto set, e su questo lavoreremo sicuramente nei prossimi giorni. Trento? Siamo contenti che riusciremo a lavorare al completo e con continuità, non a singhiozzo come nell’ultimo mese. Loro sono molto forti, li conosciamo, ma ce la metteremo tutta per arrivare preparati e dare il massimo».

Leggi anche: Nbv Verona a sostegno dei ristoratori veronesi