Lampi di luce per la VetroCar, ma Orizzonte troppo forte

Nemmeno Catania dice bene alla VetroCar, che disputa una gara con maggiori aspetti positivi rispetto a quella di Roma di poche ore prima. La contesa finisce per 14-7 in favore dell'Orizzonte (parziali 4-2, 6-1, 2-1, 2-3).

Css Verona, Miriam Marchetti (Paul Take foto)
Css Verona, Miriam Marchetti (Paul Take foto)

Nemmeno Catania dice bene alla VetroCar, che disputa una gara con maggiori aspetti positivi rispetto a quella di Roma di poche ore prima. La contesa finisce per 14-7 in favore dell’Orizzonte (parziali 4-2, 6-1, 2-1, 2-3). A segnare negativamente il match delle calottine scaligere è il secondo parziale, che crea un solco incolmabile per Alogbo e compagne.

La partenza è comunque buona, con le ragazze di Zizza che ribattono alle reti di Catania, arrivando a meno uno in apertura della seconda frazione grazie alla doppietta di Bianconi e alla rete di Marcialis. Il 6-0 piazzato subito dopo da Palmieri e socie è un gancio che tramortisce la VetroCar.

La quale però riprende a macinare gioco all’intervallo di metà gara. Verona è lontana del punteggio, ma dall’inversione di campo gioca alla pari, almeno dal punto di vista delle realizzazioni. Le altre due reti di Marcialis, il rigore trasformato da Bianconi e la rete di Alogbo pareggiano i gol segnati da Marletta e colleghe nella seconda parte di gara, che conduce a tre punti meritati per le siciliane.

LEGGI ANCHE Sconfitta per la Css contro Sis. Oggi pomeriggio secondo recupero contro Ekipe Orizzonte

Analisi serena da parte del tecnico gialloblù. «Un po’ meglio all’inizio rispetto a ieri, poi il solito blackout dove concediamo a queste squadre di trovare il gap. Dobbiamo essere più rapidi e veloci. Pecchiamo di ingenuità, dobbiamo essere agonisticamente cattivi, non possiamo consentire gol facili. A volte siamo in ritardo e timorosi sul contatto, ma la pallanuoto è uno sport di contatto e non bisogna tirarsi indietro».

«Se vogliamo confrontarci con questi club – conclude Zizza – ai playoff dobbiamo migliorare ed essere impeccabili. Oggi abbiamo visto che siamo stati capaci anche di fare male a Catania e questo deve servire per la nostra consapevolezza. Giudico molto meglio la parte difensiva rispetto alla parte offensiva dove pecchiamo in alcune scelte. Ma avendo anche tante giovani abbiamo bisogno come il pane di queste partite».

Il tabellino

L’EKIPE ORIZZONTE CATANIA – VETROCAR CSS VERONA 14-7

Parziali: 4-2, 6-1, 2-1, 2-3

Catania: Gorlero, Ioannou, Garibotti 3, Viacava 1, Aiello 1, Barzon 2, Palmieri 1, Marletta 3, Emmolo, Vukovic, Riccioli 2, Spampinato 1, Condorelli. All. Miceli

Verona: Nigro, Castagnini, Peroni, Zanetta, Borg, Alogbo 1, Marcialis 3, Perna, Gragnolati, Marchetti, Bianconi 3, Sbruzzi, Gabusi. All. Zizza

Arbitri: Centineo, Lo Dico

Uscite per falli: 

Superiorità e rigori: Catania 7/13 + 0 rig, Verona 1/8 + 1/1 rig

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO ULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM