La VetroCar Css tiene testa all’Orizzonte, poi cede nel finale

Serie A1 femminile di pallanuoto, la VetroCar Css Verona ieri ha affrontato alle piscine Monte Bianco le scudettate dell'Ekipe Orizzonte Catania. Passano le siciliane 11-16.

VetroCar Css Verona - Coach Paolo Zizza
Coach Paolo Zizza (Paul Take foto)

Una sconfitta più netta nel risultato che nel gioco. È questo il responso del recupero di campionato che ha visto opposte la VetroCar Css e le campionesse d’Italia in carica dell’Orizzonte Catania

La partita

La partenza della VetroCar è lenta e, complici un fallo e un vuoto in zona centrale, subisce due reti di VukovicBianconi schiaccia in porta in contropiede, poi le veronesi falliscono l’aggancio con Gragnolati. La palomba di Marletta e la ripartenza di Longo portano le etnee sul 4-1. Si teme il peggio quando l’Orizzonte si porta sul 6-2, ma Sparano effettua tre paratone e la Css ha la forza di rientrare passo dopo passo. Ad un minuto dal cambio di campo Sbruzzi pesca un gran jolly in diagonale per il 6-7 e Esposito impatta praticamente allo scadere. Peccato che nell’arco della frazione Zizza perda Altamura, per uno scontro di gioco a palla lontana. 

Le padrone di casa pagano lo sforzo profuso e la squadra di Miceli scappa fino al 10-7, Verona si riporta ad una lunghezza con Sbruzzi, Gragnolati e Kempf. Poi Catania allunga di nuovo, preludio ad un quarto tempo quasi a senso unico, nel quale le gialloblù peccano in lucidità e soffrono l’aggressività marcata delle avversarie. 

Il commento

«Ci sono stati due bei tempi – le parole a caldo di coach Zizza – con un’ottima reazione al passivo di meno tre, chiudendo sul sette pari a metà gara. Poi nel terzo tempo abbiamo pagato la panchina con meno cambi a disposizione e la condizione fisica dovuta ad alcune problematiche legate al CovidL’infortunio di Altamura nel secondo tempo ci ha tolto poi una giocatrice importante.  

Chiude il tecnico gialloblù: «Il valore dell’Orizzonte lo conosciamo: riuscire a batterle non è semplice, bisogna fare una partita perfetta con un organico al completo e in condizione. Speriamo che gli infortuni non ci portino via altre giocatrici per il prosieguo del campionato».  

Il tabellino

VETROCAR CSS VERONA – EKIPE ORIZZONTE CATANIA 11-16 

Parziali: 1-4, 6-3, 3-6, 1-3 

Verona: Sparano, Esposito 1, Ivanova, Zanetta, Kempf 2, Marchetti, Sgrò B., Bianconi 2, Gragnolati 3, Di Maria 1, Altamura, Sbruzzi 2, Zanoccoli. All. Zizza 

Catania: Condorelli, Halligan, Spampinato, Viacava, Gant, Bettini 3, Palmieri 2, Marletta 3, Giuffrida, Vukovic 4, Longo 2, Leone 2, Santapaola. All. Miceli 

Arbitri: Ferrari, Brasiliano 

Superiorità: Verona 6/14, Catania 3/7 

Rigori: Verona 0/0, Catania 1/1 

Uscite per limite di falli: Spampinato (C) nel terzo tempo, Sbruzzi (V) e Bettini (C) nel quarto tempo