La Verona Rugby Academy va in “tour”

Il progetto, condiviso con i partner Neozelandesi, ha come obiettivo quello di incorporare abitudini positive di autogestione e allenamento che alla fine guideranno i giocatori sulla strada del rugby seniores.

rugby

Tre settimane in giro per l’Italia portando il metodo formativo dell’Academy veronese con tutto il suo staff d’eccellenze internazionali a disposizione dei ragazzi che vogliono ritornare a giocare a rugby dopo una stagione complicata come quella appena trascorsa. Il Tour è stato progettato per dare l’occasione ai giocatori che non hanno potuto svolgere gli allenamenti in maniera regolare di continuare la propria crescita tramite un programma studiato ad hoc dallo Staff Academy, focalizzato sulla loro formazione tecnica, tattica e fisica.  

Il progetto, condiviso con i partner Neozelandesi, ha come obiettivo quello di incorporare abitudini positive di autogestione e allenamento che alla fine guideranno i giocatori  sulla strada del rugby seniores.  

La metodologia si basa su un programma di lavoro incentrato sull’aspetto tecnico e motivazionale  del singolo atleta, che deve crescere nelle proprie abilità individuali (performance individuale) per  portare il suo “talento” nel gruppo, la squadra (performance di squadra).  

«Vogliamo permettere agli atleti, al termine di questa stagione complicata, di tornare a giocare a rugby e vivere un’esperienza formativa ed entusiasmante» spiega Zane Ansell, Direttore della Verona Rugby Academy.  

Dal 14 al 18 giugno e dal 21 al 25 giugno la Verona Rugby Academy farà tappa al Camping Village Baia Domizia nel meraviglioso Golfo di Gaeta al confine tra Lazio e Campania. La prima settimana è stata progettata per la categoria U14 (2008-2007) mentre la seconda è ideata  per gli atleti dell’Under16 e Under18 (dal 2006 al 2002).  

L’Academy tornerà a casa, al Payanini Center, per un’ultima settimana di camp, dal 5 al 9 luglio,  per gli atleti dell’Under14 e Under16 (dal 2008 al 2005) dove gli atleti potranno immergersi nella vita dell’Academy e capire com’è vivere il Payanini Center tutto l’anno.