La Venplast dice addio alla Final8 (e a Martina Battaglia)

Niente da fare per la Venplast Dossobuono. Le veronesi non sono riuscite a sconfiggere la Tushe Prato ieri sera e hanno quindi dovuto dire addio alla finale. Un addio che è andato a coincidere anche con l'uscita di scena di Martina Battaglia.

In foto Martina Battaglia (Credit Petrini/Figh)

La Venplast Dossobuono chiude la Final8 senza punti, frutto di tre sconfitte, l’ultima delle quali contro la Tushe Prato, che approda in semifinale contro Casalgrande Padana. Una Venplast capace di provarci fino all’ultimo, ma senza riuscire nell’impresa di una vittoria con sei gol di scarto, condizione necessaria per assicurarsi il secondo posto nel girone B.

Prato pimpante in avvio, ma Venplast che impatta al 7’ con Marchegiani sul 4-4. Parità che si protrae fino al piccolo strappo con cui Prato accumula qualche rete di vantaggio a cavallo della metà frazione. La Venplast soffre in difesa, faticando a trovare le contromisure adatte ad un Prato determinato a passare in semifinale. Mazzieri nel frattempo si prende la squadra sulle spalle in attacco nel momento di difficoltà, limitando il passivo sul -2 a 4’ dalla prima sirena. Una distanza che negli ultimi giri di lancette si assottiglia ulteriormente e permette alla Venplast di rientrare negli spogliatoi sotto di una rete, 14-15.

Nella ripresa la Venplast scende in campo per provarci con tutte le proprie forze. Dossobuono che trova al 38’ il primo vantaggio con De Marchi sul 18-17. Vantaggio che diventa duplice con Mazzieri al 41’ ma che Prato ribalta ad un quarto d’ora dalla fine. Un rovesciamento di punteggio che taglia le gambe alla Venplast, che prova in tutti i modi a recuperare lo svantaggio. Time-out di Barani al 55’ per tentare di portare a casa una vittoria in chiusura di Final8, con Prato però che tiene le tre reti di vantaggio e approda in semifinale vincendo 31-27.

Il miracolo non avviene; la Venplast versa lacrime per averci provato e creduto fino all’ultimo, oltre quelle di commozione nel saluto a Martina Battaglia, al passo d’addio dalla pallamano giocata.