Italia-Venezuela, Spalletti: «Contento della prestazione»

Doppietta di Retegui per la vittoria 2-1 sulla nazionale sudamericana. Partita caratterizzata dagli esperimenti di Spalletti con la difesa a tre.

Mateo Retegui
Mateo Retegui (Photo by Brennan Asplen/Getty Images)

Nella casa dell’Inter Miami di Lionel Messi e sotto gli occhi di Jannik Sinner – tifoso d’eccezione sugli spalti del ‘Chase Stadium’ di Fort Lauderdale – la Nazionale batte 2-1 il Venezuela nella prima delle due amichevoli in terra americana e si gode Mateo Retegui, autore di una doppietta che ha il sapore di una forte candidatura per il ruolo di centravanti a EURO 2024.

Per settanta minuti Spalletti prova la difesa a tre, proponendo quel calcio moderno che non vede i calciatori imprigionati in un ruolo, ma alla ricerca costante di spazi tra le linee. Ne esce fuori una partita intensa e con diversi errori da una parte e dall’altra. Protagonisti Donnarumma, che in avvio para un rigore a Rondon, e l’attaccante del Genoa, che nel finale decide il match dopo che l’Italia era tornata ad indossare il consueto 4-3-3. A poco meno di tre mesi dall’inizio dell’Europeo non mancano gli spunti su cui riflettere.

LEGGI ANCHE: Pedone investito in viale del Lavoro, è grave

«Abbiamo fatto delle cose bene – l’analisi del Ct Spalletti – a lunghi tratti abbiamo condotto la partita come dovevamo fare. Sono contento della prestazione. Poi quando si commettono errori come quelli commessi in occasione del rigore e del loro gol è inutile parlare di sistemi. I ragazzi hanno fatto una buona partita sia con la difesa a tre sia con il 4-3-3».

Pur essendo solo al 52° posto nel Ranking FIFA, il Venezuela ha confermato quelle qualità con cui ha raggiunto la quarta posizione in classifica nel girone di qualificazione sudamericano al Mondiale 2026: «Era una partita difficile per molti motivi – sottolinea Spalletti – per il viaggio e per un avversario tostissimo. Loro avevano perso una sola partita nelle ultime dieci, in cinque gare non avevano mai preso gol e noi ne abbiamo fatti due costruendo situazioni interessanti. Abbiamo commesso qualche leggerezza e quello che ci ha fatto vedere la partita è che dal punto di vista fisico devi essere al massimo. Si è visto come correvano e abbiamo perso diversi duelli».

LEGGI ANCHE: Autovelox a Verona, ecco dove sono dal 22 al 28 aprile