Il veronese Raimondi Oro nei 100 Rana, le congratulazioni di Zaia

Il nuotatore scaligero ha sbaragliato la concorrenza degli avversari nella vasca del 100 Rana e si è portato a casa uno straordinario Oro Paralimpico. Le congratulazioni per la sua determinazione arrivano anche dal Presidente Zaia.

Stefano Raimondi sul gradino più altro del podio
Stefano Raimondi sul gradino più altro del podio

Verona festeggia un Oro paralimpico straordinario. A portarlo a casa da Tokyo è stato Stefano Raimondi, 23 anni, nato a Soave e residente a Zimella, che nella finale dei 100 Rana SB9 ha sbaragliato la concorrenza degli avversari trionfando col tempo di 1’05″35, non così distante dal record del mondo di Londra 2012 del russo Pavel Poltavtsev (1’04″02). Stefano ha cancellato così la delusione per il quarto posto nei 50 Stile libero ottenuto ieri.

«Dovevo riscattarmi dal 4° posto di ieri, che mi è veramente rimasto sullo stomaco. Ci ho ripensato tutta notte e senza batteria questa era l’unica occasione odierna di sfogarmi. Sono contento ma devo ancora rendermene conto. Se ci penso mi viene la pelle d’oca, ma aspetto di salire sul podio per godermela appieno».

Dopo la cerimonia, come riporta Eurosport, Stefano scoppia in lacrime in zona mista: «Adesso ci credo sì!». L’emozione però tradisce visibilmente il nuotatore azzurro, che non riesce nemmeno a parlare dalla felicità. Stemperato il momento, l’azzurro si confida ai microfoni RAI: «Dietro questa medaglia ci sono anni di sacrifici, da parte mia e della mia famiglia, senza trascurare il mio vecchio allenatore Giancarlo, il quale ha sempre buoni consigli da darmi. Non voglio tralasciare nemmeno Giulia Terzi, la mia fidanzata. Oggi sarò sugli spalti a fare il tifo per lei, impegnata nelle sue batterie. Spero che anche lei riesca a togliersi queste soddisfazioni e provare le emozioni che sto provando io. Sono consapevole che ci riuscirà e torneremo a casa felici, dopo aver condiviso tutti questi momenti».

GUARDA L’IMPRESA DI RAIMONDI

Le parole di Zaia

A congratularsi con l’atleta scaligero è il presidente Zaia: «Dopo il bronzo di Bettella e l’argento di Beggiato, ecco l’oro di uno straordinario Stefano Raimondi nei 100 rana Sb9. Siamo al secondo giorno di gare alle Paralimpiadi e ci troviamo già di fronte a un podio tutto veneto, con tre medaglie, tre colori diversi ma con un unico comun denominatore: l’orgoglio e la gratitudine di tutto lo sport del Veneto per ragazzi che potrebbero insegnare la vita a mezzo mondo”.

«Non ci sono parole – aggiunge il Governatore – per festeggiare adeguatamente questo trionfo, perché la storia di Stefano è di quelle che potrebbe fare da sceneggiatura per un film».

Raimondi era un vincente, sul podio nel nuoto fin da giovanissimo, talento autentico con una grande carriera davanti a sè. Finché un incidente in moto all’età di 15 anni non ha cambiato i suoi sogni in incubi. Stefano pensa che sia tutto finito, ma grazie alla spinta e al sostegno dei suoi genitori rientra in piscina e si riprende dallo shock emotivo. Torna alle gare più forte di prima, abbatte i propri record, cambia la tecnica di nuotata per sopperire alla debolezza delle gambe. E ricomincia a vincere, fino all’oro olimpico di oggi, conquistato al primo tentativo.

«E’ bello pensare che quella moto che sembrava avergli stroncato la vita – conclude il Presidente del Veneto – oggi fosse dentro di lui, con tutta la sua potenza, a guidarlo verso il riscatto. Bravo Stefano, da te e da tutti i tuoi compagni paralimpici in moltissimi dovrebbero venire a scuola di vita».

Stefano in vasca

La storia di Stefano

Le prossime gare di Stefano Raimondi

Il calendario delle care a cui parteciperà Stefano Raimondi

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM

radio adige tv