Hellas-Lazio, finisce 1-5 il match al Bentegodi

Severa sconfitta ieri sera al Bentegodi per i gialloblù: l'Hellas di Juric ha infatti incassato 5 gol dalla Lazio, con tripletta di Ciro Immobile. Prossimo match in casa contro la SPAL, mercoledì 29 luglio.

Una dura sconfitta quella subita dai gialloblù ieri sera al Bentegodi: è finita 1-5 la sfida tra l’Hellas di Juric e la Lazio di Inzaghi.

Il gol di Amrabat, al 39esimo su rigore procurato da Zaccagni, ha avvantaggiato la squadra solo fino al 45esimo: nel recupero del primo tempo infatti, sempre su rigore, ha segnato Immobile per fallo di mano di Lazovic. Da lì la scalata della Lazio, prima con il gol di Savic, al 56esimo, poi la terza rete qualche minuto, di Correa, al 63esimo; a chiudere la partita una doppietta di Ciro Immobile, al minuto 83 e durante il secondo recupero.

Mercoledì 29 luglio, nella penultima giornata della Serie A TIM, la squadra di Juric disputerà la sua ultima partita in casa di questa stagione, ospitando al “Bentegodi” la SPAL: inizio alle 19.30.

Ivan Juric è arrabbiato. «Mi viene difficile commentare una sconfitta del genere – dice l’allenatore del Verona dopo la cinquina rifilata ai gialloblù dalla Lazio -. Abbiamo giocato meglio della Lazio, gli episodi sono stati devastanti per noi. Però è chiaro che quando finisce 5-1 devi stare zitto e andare a casa».
    Juric ammette che «questo calcio in questa fase dell’anno e senza pubblico vale poco. Diciamoci la verità, lo facciamo per i soldi, per i diritti televisivi. Ma i ragazzi sono stati straordinari, fantastici». Ora quale sarà il futuro del tecnico? «Nella prossima stagione ripartiamo da zero, di questa rosa ne rimarranno sei o sette. Ricominceremo da capo».
    In casa Lazio Simone Inzaghi riconosce che «il punteggio forse è eccessivo ma sapevamo che per vincere a Verona dovevamo fare una grande partita e questo è accaduto. Immobile? È un ragazzo straordinario, un ottimo padre di famiglia, un giocatore che vuole sempre migliorarsi. Sono davvero contento per lui». E ora che Lazio sarà? «L’obiettivo Champions è stato raggiunto, puntiamo a finire al meglio queste due ultime partite. Penso che il prossimo sarà un anno simile a questo. Ci vorrà una rosa importante, con tanti giocatori». (ANSA).