Figc: Serie A in stand-by fino al 14 giugno

La Figc, che attende sempre la convocazione del premier Conte, spera adesso di ricevere a breve il via libera anche se i tempi per decidere cosa fare della stagione non sono più così stringenti.

Mentre Premier e Liga si apprestano a ripartire con sedute d’allenamento a gruppi, la Serie A continua a rimanere in stand-by a causa del protocollo per la ripresa degli allenamenti collettivi e rischia seriamente di non ripartire prima del 20 giugno. Sulla base dell’ultimo Dpcm, che prevede la sospensione sino al 14 giugno degli eventi e delle competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, la Federcalcio è stata costretta a prorogare lo stop dell’attività proprio fino al 14.

Restando così le cose, sarebbe infatti impossibile riprendere a giocare il 13 giugno, data indicata da 16 club di Serie A. Da fonti del ministero dello Sport sarebbe emersa la disponibilità ad anticipare di un giorno la fine del divieto, ma la Figc si è adeguata, andando di fatto incontro anche a quei club che avevano chiesto una settimana in più per ripartire.

Intanto, però, il protocollo con le modifiche non è stato esaminato dal Cts (usciranno a breve invece le linee guida per lo sport di base e alcune limature riguardanti le discipline di squadra). Le novità all’attenzione del Cts sono principalmente l’assenza del ritiro durante gli allenamenti, l’aumento della frequenza dei controlli (tamponi ogni 4 giorni) e l’isolamento del gruppo squadra nel caso in cui dovesse verificarsi un positivo al Covid-19.

La Figc, che attende sempre la convocazione del premier Conte, spera adesso di ricevere a breve il via libera anche se i tempi per decidere cosa fare della stagione non sono più così stringenti. L’Uefa ha infatti deciso di dare più spazio di manovra alle federazioni nazionali per muoversi. Entro il 25 maggio avrebbero dovuto comunicare a Nyon date, format e regole della ripartenza in vista del comitato esecutivo programmato per il 27. Il meeting, però, è stato posticipato di tre settimane, al 17 giugno, perché in Europa sono diversi i tornei senza ancora certezze sulle date di ripartenza (situazione che ovviamente ha ripercussioni anche sui calendari di Champions ed Europa League).

Nei centri sportivi dei club di Serie A intanto proseguono gli allenamenti ancora a piccoli gruppi scaglionati. Secondo il patron dell’Udinese, Giampaolo Pozzo, «per essere coerenti, c’è bisogno di tutto il mese di giugno per allenarsi bene. A fine giugno, poi, si ricomincia. Bisogna trovare un accordo». Dello stesso avviso anche il n.1 della Fiorentina, Rocco Commisso: «La salute viene prima di tutto ma cerchiamo di trovare un accordo per ricominciare. Ci sono troppi poteri e troppa burocrazia sulla questione della ripresa del campionato. E non ritengo sia giusto mettere in quarantena tutta la squadra se viene trovato un giocatore positivo. In Germania ad esempio non avviene». (Ansa)