Coppa Italia, l’Hellas passa ai rigori con il Venezia

Dal 2-0, al subire il 2-3 ai supplementari, prima del pareggio. Partita complicata per l'Hellas che sistema tutto ai rigori con tre gol su tre.

hellas verona venezia coppa italia
Grafica dalla pagina Facebook Hellas Verona FC

Recupero in extremis del Venezia, dopo il 2-0 firmato dall’Hellas Verona al Bentegodi, per il terzo turno di Coppa Italia. Dopo le reti gialloblu di Ilic al 41′ e Salcedo Mora al 59′, il Venezia ha pareggiato al volo con Johnsen e Capello all’83’ e all’87’.

Ai supplementari passa prima il Venezia al 99′ con Modolo, pareggia l’Hellas al 111′ con Vieira.

Ai rigori percorso netto dell’Hellas con tre gol su tre tiri, mentre il Venezia paga il terzo errore al quarto tiro.

La prossima sfida per l’Hellas in Coppa Italia sarà con il Cagliari, che ha sconfitto 1-0 la Cremonese.

«Non abbiamo iniziato la partita al pieno delle nostre potenzialità: siamo andati in vantaggio per 2-0, ma negli ultimi cinque minuti abbiamo regalato due gol evitabili. Le difficoltà sono arrivate anche a causa degli infortuni di Faraoni e Rüegg. Sono stato anche costretto a schierare Dawidowicz, fermo da tanto tempo e quindi non al massimo. Per tutti questi motivi voglio fare i complimenti ai ragazzi» afferma mister Juric commentando la gara. «Dopo il terzo gol subìto hanno avuto la forza mentale di reagire. E non era affatto facile. Vincere ai rigori lo interpreto come un buon segnale, anche perché lo spirito e il clima nello spogliatoio sono davvero positivi. Abbiamo passato il turno di Coppa Italia e abbiamo otto punti in campionato: possiamo essere contenti».

«Adesso dobbiamo concentrarci sulle due partite che ci sono prima della sosta di novembre e farle bene per poi ripartire con più giocatori disponibili e più opzioni in tutti i ruoli. Quest’anno ci sono tanti nuovi giocatori, che vanno assemblati, con pazienza. Non è facile amalgamare una squadra che è cambiata tanto come la nostra. Ma ci sono motivi per guardare avanti con fiducia, perché i ragazzi si impegnano tanto e stanno gradualmente crescendo» conclude Juric. «In allenamento e in partita mi dimostrano che hanno voglia di imparare e lo fanno con tanti sacrifici. È necessario lasciarli crescere con calma e senza troppe aspettative. Tra infortunati e Covid è una situazione difficile ma, ciononostante, bisogna essere soddisfatti e andare avanti con forza, fiducia e spirito di adattamento».

LEGGI TUTTE LE NEWS DI SPORT