Chievo, arriva l’Entella. Aglietti: «Importante la disponibilità di tutti»

Dopo alcuni giorni di sosta, torna in campo il Chievo domani sera alle 19 contro la Virtus Entella. A disposizione di Aglietti quasi tutta la rosa, un risultato molto importante visto la mole di gare previste in pochi giorni per la squadra.

Dopo qualche giorno di sosta, anche per il Chievo Verona è di nuovo tempo di scendere sul terreno di gioco dopo la vittoria di lunedì 4 gennaio in casa della Cremonese e la gioia per il primo gol nei professionisti per Bertagnoli. Domani alle 19 ospita al Bentegodi la Virtus Entella, che occupa il penultimo posto in classifica.

Una gara in cui Aglietti recupera alcuni giocatori da reinserire in rosa. «Stiamo bene, abbiamo staccato la spina per riprendere un cammino che poi ci vedrà scendere in campo molte volte. Abbiamo lavorato bene questa settimana ma ora comincia un momento in cui giocheremo ogni tre giorni ed era importante essere tutti disponibili, a parte Canotto che comunque è sulla via del recupero».

«Recupero ad esempio Sauli Väisänen che si è allenato pochissime volte. Ora è rientrato, ci vorrà del tempo per ritrovare i ritmi tattici, però è un rinforzo importante sicuramente» prosegue poi concentrandosi sui prossimi avversari. «La Virtus Entella è una squadra in salute, dopo un inizio problematico. L’ho detto anche ai ragazzi, sarà una partita da prendere con le molle, perché loro hanno anche un organico di primo livello, soprattutto a centrocampo con giocatori che sono quasi riusciti ad arrivare in Serie A. Stanno bene ma noi giocando in casa dobbiamo provare a fare nostra la gara».

LEGGI ANCHE Fresco: «Cent’anni di impegno e traguardi»

«Non so ancora la disposizione dei miei giocatori in campo, sicuramente la soluzione con i tre trequartisti che danno molta fantasia che ho provato l’ultima volta è qualcosa da riproporre. Non so ancora se farlo già domani. La teniamo sicuramente valida come opzione, soprattutto a gara in corso» continua. «Mancherà Luca Palmiero per squalifica ma ho Viviani che ha dimostrato di essere importante, ma ho anche Zuelli, un giovane interessante. Sta anche recuperando Di Noia, che ci potrà dare una grossa mano. Fino all’ultimo mi tengo nascosta l’alternativa a Palmiero».

«Dobbiamo stare tutti sul pezzo, perché in questo momento c’è bisogno di tutti, in particolar modo se vogliamo alla fine avere una chance di fare qualcosa di importante, il gruppo deve fare la differenza perché tutti devono essere pronti quando servirà» conclude.