Campedelli non molla: «Voglio rivedere il Chievo giocare»

La stima del danno è di 140 milioni, ma Luca Campedelli spera di sedersi a un tavolo con la Figc e trovare un accordo per far tornare in campo il suo Chievo Verona.

Luca Campedelli Stefano De Bosio
Luca Campedelli con l'avvocato Stefano De Bosio

«Voglio rivedere il Chievo giocare a calcio, e basta». È chiaro e conciso il messaggio di Luca Campedelli, che oggi è tornato a parlare delle vicende giudiziarie del Chievo Verona, estromesso l’estate scorsa dal calcio professionistico.

Dopo la sentenza del Tar del Lazio dell’anno scorso, la società di Campedelli aveva perso il diritto a iscriversi ai campionati professionistici e aveva dovuto svincolare tutti i calciatori.

Il Presidente del Consiglio di Stato ha sospeso quella sentenza, aprendo diversi scenari e riaccendendo le speranze di Campedelli. Lo stesso organo si riunirà il 23 giugno in forma collegiale, per decidere se confermare o meno la sospensione, in attesa della sentenza di merito del Consiglio stesso, che però non sarà prima di settembre-ottobre.

LEGGI ANCHE: Tommasi day, ora si comincia: «Un futuro da scrivere insieme»

Guarda il servizio su Radio Adige Tv

LEGGI LE ULTIME NEWS