Bronzo nell’Omnium per il veronese Elia Viviani

Il velocista veronese porta a casa un'insperata medaglia di bronzo nell'Omnium. «Con il cuore e con la testa» dice Elia Viviani.

ELIA VIVIANI con il bronzo conquistato nell'Omnium alle Olimpiadi di Tokyo 2020
Elia Viviani con il bronzo conquistato nell'Omnium alle Olimpiadi di Tokyo 2020

Il ciclista di Vallese ha concluso al terzo posto la gara di ciclismo su pista nella categoria “Omnium“. Dopo l’impresa di Rio 2016 Elia Viviani torna sul podio delle Olimpiadi di Tokyo 2020.

Il portabandiera azzurro ha chiuso alle spalle dell’inglese Matthew Walls e del neozelandese Campbell Stewart. Consistente recupero per Elia Viviani, che nelle prime due delle quattro prove dell’Omnium era arrivato solo 13esimo (nello scratch) e ottavo (nella corsa a tempo). Poi un grande recupero con la corsa a eliminazione e la corsa a punti, con cui ha conquistato il terzo posto, dopo aver sfiorato anche l’argento, sfumato a poche centinaia di metri dalla fine.

Il bronzo è arrivato «con il cuore e con la testa» dice Viviani. «Grazie a tutte le persone che seppur a km di distanza hanno fatto il tifo me». Ma non è finita l’Olimpiade di Elia Viviani, che ora si prepara per affrontare sabato l’americana (madison), corsa a punti in coppia con Simone Consonni.

La soddisfazione della famiglia di Elia Viviani

Soddisfatta anche la famiglia di Viviani, che davanti al negozio di famiglia a Oppeano festeggia e brinda in onore di Elia.

Le altre medaglie italiane

Poco prima del bronzo di Viviani è arrivato anche l’oro di Massimo Stano nella Marcia 20 km e questa mattina Manfredi Rizza ha portato a casa l’argento con la canoa K1 200. Altro bronzo per Gregorio Paltrinieri nella 10 km di nuoto in acque libere. Infine Viviana Bottaro medaglia di bronzo nel karate, specialità kata.

LEGGI LE ULTIME NOTIZIE DI SPORT

Le congratulazioni di Zaia

«È arrivato il giorno di Elia Viviani! Il nostro beniamino veronese è medaglia di bronzo nell’omnium del ciclismo su pista. Il suo è un podio pesantissimo e non meno glorioso dell’oro di Rio. Questo ragazzo, umile e intelligente, a Tokio ha fatto una vera impresa, con una progressione incredibile, una remuntada che l’ha portato lassù partendo dalle retrovie, dove si era trovato dopo 2 delle quattro prove di cui si compone questa spettacolare disciplina» ha detto Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, salutando la medaglia di bronzo conquistata nell’omnium di ciclismo su pista dal veronese Elia Viviani.

«Lo sport – aggiunge Zaia – ci ha abituato anche ad assistere alla comparsa di meteore incapaci di rimanere a lungo ad alto livello. Elia è invece l’esatto contrario. Un atleta poliedrico (come dimenticare le sue vittoriose volate su strada e le stoccate su pista) che oggi, alla tecnica sopraffina e all’esperienza ha saputo affiancare un grande cuore. Un cuore tutto veneto, grazie al quale nessuno da queste parti molla mai la presa fino all’ultimo metro. Grazie Elia!».

Il saluto alla Redazione di Verona Network prima della partenza per Tokyo

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO ULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM