Atalanta-Verona, i gialloblù conquistano il pari al Gewiss Stadium

Due reti per tempo, prima avanti i padroni di casa, poi il recupero dei gialloblù. Atalanta-Hellas finisce 2-2.

Atalanta-Hellas Verona
Atalanta-Hellas Verona
New call-to-action

L’Atalanta torna al Gewiss Stadium dopo quattro gare consecutive giocate lontano dalle mura amiche: in visita c’è l’Hellas Verona, reduce dal ko interno contro il Genoa. I bergamaschi, invece, arrivano dall’impresa contro il Liverpool per l’Europa League.

Prima sotto di due gol, poi il pareggio nel secondo tempo. Partono bene i padroni di casa con le reti di Scamacca al 13′ ed Ederson al 18′.

In classifica l’Hellas aggancia a 28 punti Empoli e Udinese (che però ha una partita in meno), a +1 sul Frosinone in zona retrocessione. Il prossimo impegno per il Verona sarà al Bentegodi sabato 20 aprile proprio con l’Udinese alle 20.45.

LEGGI ANCHE: Parte lo sviluppo della Marangona: a breve l’accordo

Il tabellino

ATALANTA-HELLAS VERONA 2-2
Reti: 13′ Scamacca, 18′ Ederson, 56′ Lazovic, 60′ Noslin

ATALANTA (3-4-1-2): Carnesecchi; Toloi (dal 63′ Kolasinac), Hien, Djimsiti; Holm (dall’81’ Hateboer), Pasalic, Ederson, Ruggeri; Koopmeiners; De Ketelaere (dal 63′ Miranchuk), Scamacca (dal 63′ Lookman)
A disposizione: Musso, Rossi, El Bilal Toure, Bakker, Adopo, Bonfanti
Allenatore: Gian Piero Gasperini

HELLAS VERONA (4-2-3-1): Montipò; Centonze (dal 90′ Tchatchoua), Magnani, Dawidowicz, Cabal; Dani Silva, Folorunsho (dal 90′ Coppola), Noslin, Suslov (dal 76′ Vinagre), Lazovic (dal 76′ Mitrovic); Bonazzoli (dal 58′ Swiderski)
A disposizione: Chiesa, Perilli, Belahyane, Tavsan, Henry, Charlys, Cisse
Allenatore: Marco Baroni

Arbitro: Juan Luca Sacchi (Sez. AIA di Macerata)
Assistenti: Alessandro Lo Cicero (Sez. AIA di Brescia), Marcello Rossi (Sez. AIA di Biella)

NOTE. Ammoniti: 42′ Suslov, 83′ Dani Silva

La cronaca

L’equilibrio dei primi minuti viene spezzato dalla rete dell’Atalanta al 13’ con Scamacca. Il numero 90 viene servito al limite dell’area da Koopmeiners, si aggiusta il pallone a mezza altezza e con il destro lascia partire un tiro potente che non lascia scampo a Montipò.

Prova subito a rispondere l’Hellas con un inserimento centrale in area di Suslov, che controlla e salta un uomo, ma sul più bello la sua conclusione viene ribattuta. Sul capovolgimento di fronte l’Atalanta trova il gol del raddoppio. Scamacca offre la sponda a Ederson che si invola in campo aperto e davanti a Montipò, con il destro, non sbaglia.

Due minuti più tardi arriva la seconda occasione per l’Hellas sui piedi di LazovicCarnesecchi sbaglia la rimessa con le mani e sul pallone arriva prima di tutti il capitano gialloblù che prova a segnare con un tiro di prima intenzione, ma il pallone finisce alto sopra la traversa.

Al 31’ pericolosa la squadra di casa con Montipò che deve allungarsi per raggiungere il colpo di testa di Pasalic da posizione ravvicinata. Un minuto più tardi sono ancora i nerazzurri a rendersi pericolosi con l’inserimento di Koopmeiners in area di rigore. Il calciatore olandese incrocia il tiro con il destro ma il pallone finisce di poco a lato. Nuovamente un minuto dopo Montipò è chiamato ancora agli straordinari sul tiro dal limite dell’area con il sinistro di De Ketelaere.

I gialloblù si fanno vedere dalle parti di Carnesecchi al 40’ con la percussione centrale di Suslov, che dai 25 metri prova il tiro con il sinistro, sul quale il portiere neroazzurro riesce ad arrivare e a deviare in calcio d’angolo.

Nella seconda frazione di gioco tenta di accorciare subito le distanze il Verona con il tiro al 48’ di Cabal che raccoglie un pallone respinto dalla difesa e di prima intenzione lascia partire un bel sinistro verso la porta che però Carnesecchi respinge coi pugni.

Il gol che accorcia le distanze arriva poco dopo, al 56’, con la rete di Lazovic. L’Hellas parte in contropiede con Suslov, che allarga per Noslin che vede Lazovic solo al limite dell’area di rigore e lo serve, il capitano gialloblù controlla e incrocia con il destro trovando l’angolino basso alla destra di Carnesecchi.

Due minuti più tardi arriva la rete del pareggio gialloblù. Centonze dalla fascia destra mette un bel pallone in mezzo sul quale Noslin è il più veloce di tutti ad arrivare, anche di Carnesecchi, e con il destro mette in rete.

Al 73’ torna ad essere pericolosa l’Atalanta in attacco e lo fa con Miranchuk, che servito in posizione defilata dentro l’area di rigore si gira e calcia forte e basso con il sinistro, ma Montipò riesce a chiudere con un gran riflesso, bloccando in due tempi la palla.

Al 78’ sono pericolosi ancora i nerazzurri, questa volta con Holm che, servito sulla destra dell’area di rigore, ha tutto il tempo per stoppare e calciare ma il suo tiro, anche se molto potente, finisce alto sopra la traversa.

Il duello MiranchukMontipò si ripete al 87’, con il numero 1 gialloblù che anche questa volta riesce a respingere il tiro insidioso arrivato dal sinistro dell’attaccante russo dell’Atalanta del limite dell’area. Al 90’+1’ è ancora Miranchuk ad impensierire la difesa scaligera con un tiro di prima intenzione con il piatto destro dal cuore dell’area di rigore, ma anche questa volta il portiere gialloblù riesce a bloccare.

Dopo 5’ minuti di recupero si conclude la partita, con il risultato di 2-2 fra Atalanta ed Hellas Verona.

Pre-partita

«La loro vittoria contro il Liverpool è un risultato meritato, ma anche un premio secondo me al grandissimo lavoro di Gasperini, uno dei migliori dieci allenatori al mondo, che negli ultimi anni ha fatto un grandissimo lavoro» ha detto in vista della partita mister Marco Baroni.

L’unico precedente in Serie A tra Atalanta e Hellas Verona giocato di lunedì è stato vinto dai gialloblù: 1-2 proprio al ‘Gewiss Stadium’ del 18 aprile del 2022. Per i gialloblù gol di Ceccherini e autorete di Koopmeiners, mentre per i bergamaschi andò a segno Scalvini.

LEGGI LE ULTIME NOTIZIE DI SPORT

Così in campo: le formazioni ufficiali

ATALANTA-HELLAS VERONA

ATALANTA (3-4-2-1): Carnesecchi; Toloi, Hien, Djimsiti; Holm, Pasalic, Ederson, Ruggeri; Koopmeiners, De Ketelaere; Scamacca
A disposizione: Musso, Rossi, El Bilal Toure, Lookman, Bakker, Kolasinac, Adopo, Hateboer, Bonfanti, Miranchuk
Allenatore: Gian Piero Gasperini

HELLAS VERONA (4-2-3-1): Montipò; Centonze, Magnani, Dawidowicz, Cabal; Dani Silva, Folorunsho, Noslin, Suslov, Lazovic; Bonazzoli
A disposizione: Chiesa, Perilli, Belahyane, Tavsan, Henry, Mitrovic, Swiderski, Vinagre, Charlys, Tchatchoua, Coppola, Cisse
Allenatore: Marco Baroni

Arbitro: Juan Luca Sacchi (Sez. AIA di Macerata)
Assistenti: Alessandro Lo Cicero (Sez. AIA di Brescia), Marcello Rossi (Sez. AIA di Biella)

LEGGI ANCHE: Verona attende il sorriso di Papa Francesco