“Voria piturar Verona”, oggi la seconda edizione del concorso

Si è svolta oggi infatti la seconda edizione di "Voria piturar Verona", il concorso estemporaneo ideato dall’Amministrazione, dove gli artisti dipingono a cielo aperto, prendendo ispirazione da scorci, panorami, angoli nascosti o momenti di vita quotidiana della città.

Non sono passati inosservati gli artisti che questa mattina hanno invaso la città con pennelli e cavalletti. All’aperto, le diverse postazioni del centro storico, da piazza Bra a lungadige San Giorgio, hanno assicurato il distanziamento sociale. Ora spetta alla giuria selezionare le opere che avranno meglio interpretato lo spirito del concorso.

E premiare i vincitori, con buoni acquisto da mille a 100 euro. Tutte le opere realizzate verranno esposte al pubblico, dal 9 al 21 ottobre, all’interno della chiesa di San Pietro Incarnario. A curiosare tra le opere in creazione in piazza dei Signori, si è recato questa mattina il sindaco Federico Sboarina insieme all’assessore al Decentramento Marco Padovani. Presente il presidente della Società di Belle Arti Verona Gianni Lollis. L’iniziativa è realizzata nell’ambito della manifestazione “L’Arte Racconta i Quartieri”, organizzata dall’assessorato al Decentramento, in collaborazione con la Società di Belle Arti di Verona e con il sostegno di Fondazione Cattolica Assicurazioni. «Continuiamo a proporre  iniziative per rendere viva la nostra città –afferma il sindaco -. Per questo concorso sono arrivati artisti da fuori città, la pittura all’aperto è una sfida tutt’altro che semplice ma la bellezza dei paesaggi e dei panorami di Verona è unica».

«Dopo il successo della prima edizione – afferma l’assessore al Decentramento -, abbiamo pensato di riproporre il concorso per dar spazio e visibilità agli artisti, così come per riscoprire, attraverso la loro creatività e arte, tanti angoli di Verona. Tutte le opere saranno poi visibili in un’unica mostra, un altro segnale di ritorno alla normalità seppur nel rispetto delle regole post Covid».