Verona si muove a ritmo di jazz: al Camploy torna la tradizionale rassegna

Titolo di questa edizione “Ritorno alle origini dal Dixieland allo Swing”, cinque serate, da gennaio a maggio ad ingresso libero con inizio alle 21, con protagoniste sei orchestre. Primo appuntamento venerdì 26 gennaio con la doppia esibizione della Original Perdido Jazz Band e della Storyville Jazz Band.

verona città jazz

Ritorna al teatro Camploy l’atteso appuntamento con la “Città del Jazz”, la rassegna di musica afroamericana progettata dalla Bigband Ritmosinfonica in collaborazione con il Comune di Verona, la direzione artistica di Marco Pasetto e la direzione tecnica di Paolo Girardi. Titolo di questa edizione “Ritorno alle origini dal Dixieland allo Swing”, cinque serate, da gennaio a maggio ad ingresso libero con inizio alle 21, con protagoniste sei orchestre.

Ogni sera gli spettatori saranno coinvolti dalle note dei vari stili musicali interpretati, dal ragtime, al blues, al dixieland, allo swing, con anche contaminazioni moderne.

LEGGI LE ULTIME NOTIZIE SU EVENTI, CULTURA E SPETTACOLI

Il calendario degli appuntamenti

  • Primo appuntamento venerdì 26 gennaio con la doppia esibizione della Original Perdido Jazz Band e della Storyville Jazz Band, a cui parteciperanno anche alcuni ballerini;
  • il 29 febbraio sarà il turno della Jazz Set Orchestra;
  • il 21 marzo il terzo concerto sarà della Catullo Sound Orchestra;
  • il 24 aprile sul palco salirà la Future Orchestra.
  • La rassegna si concluderà il 9 maggio con il concerto degli allievi del “Corso di Musica Jazz della Big Band Ritmo Sinfonica” tenuto dai maestri Marco Pasetto e Giordano Bruno Tedeschi. La nuova edizione del corso partirà a febbraio, dieci incontri con l’obiettivo di dare l’opportunità, per chi lo desidera ma in particolare alle giovani generazioni, di approfondire le origini, la tecnica e la prassi esecutiva di questo genere musicale.

Tutte le informazioni al seguente link sul sito del Comune.

L’evento è stato presentato ieri mattina in sala Arazzi. Sono intervenuti Assessora alla Cultura Marta Ugolini, il presidente della Big Band Ritmo Sinfonica Città di Verona Paolo Girardi, Giannantonio Bresciani della Perdido Jazz Band, Mario Cracco della Storyville Jazz Band, Eraldo Turco della Jazzset Orchestra, Mauro Gnesato della Catullo Sound Orchestra e Gianpietro Bissoli della Future Orchestra.

LEGGI ANCHE: Zanzare: nelle farmacie veronesi il kit antilarvale a prezzo calmierato

«Come diceva il musicista Wynton Marsalis, “il jazz non è solo musica, ma anche un modo di stare nel mondo e un modo di stare con gli altri. È stato creato dai discendenti degli schiavi, ma sa parlare di libertà” – commenta l’assessora alla Cultura Marta Ugolini -. Racchiude una serie di concetti così pregnanti che sono la sintesi perfetta del programma artistico e culturale che proponiamo alla città. Il mio ringraziamento va alle numerose band che parteciperanno, perché ci permetteranno di poter ascoltare i brani più famosi di questo straordinario genere musicale».

«Il jazz – aggiunge Paolo Girardi – oltre ad essere messaggero di pace, è fonte di grandi amicizie. Dal 2015, anno della prima edizione, abbiamo coinvolto ben 56 band di ogni genere, un’ottima opportunità a Verona per ascoltare bella musica grazie alla grande qualità dei gruppi musicali della città».

LEGGI ANCHE: Installato a Verona un sistema di irrigazione degli alberi con sacchi di acqua

Ricevi (gratis) il Verona Eventi

Scopri tutti gli eventi e spettacoli della settimana a Verona e provincia!
Esce il mercoledì

CLICCA QUI PER RICEVERLO GRATUITAMENTE!