Verona è ufficialmente “Città che legge”: al via i nuovi progetti

Per la prima volta Verona ottiene il riconoscimento del Ministero della Cultura: ora partono i progetti, il primo a dicembre con i corsi per lettori volontari. In provincia la qualifica è stata ottenuta dai Comuni di San Martino Buon Albergo, Sommacampagna e Valeggio sul Mincio.

Marta Ugolini Verona città che legge
Marta Ugolini, assessora di Verona a Turismo, Cultura e rapporti con l'Unesco

Il lavoro premia. Il “Patto di Verona per la lettura” è stata una della prime azioni dell’amministrazione, a poche settimane dell’insediamento, così come la partecipazione al bando lo scorso luglio per diventare Città che legge e poter concorrere a finanziamenti e progetti di largo respiro.

Il riconoscimento è arrivato ieri, ufficializzando Verona tra 718 comuni italiani che hanno dimostrato di avere i requisiti e che potranno partecipare ai bandi di finanziamento specifici: in Veneto, oltre a Verona, sono “città che leggono” per il 2022/23 Rovigo, Treviso, Padova e Venezia, mentre nella provincia veronese hanno ottenuto la qualifica San Martino Buon Albergo, Sommacampagna e Valeggio sul Mincio.

LEGGI LE ULTIME NOTIZIE SU EVENTI, CULTURA E SPETTACOLI

La stipula del Patto per la lettura

Tra i meriti di Verona, la stipula del Patto per la lettura, un percorso avviato in tempo record dall’assessorato alla Cultura e alle Biblioteche che ha coinvolto i primi 73 sottoscrittori tra biblioteche, enti culturali e istituzioni, servizi educativi e scuole, gruppi di lettura, associazioni e realtà del Terzo Settore, librerie e case editrici. Una mappa in continuo aggiornamento e che oggi conta oltre 150 realtà, a testimonianza della vitalità del tessuto cittadino e della molteplicità di esperienze e iniziative di promozione della lettura che Verona riesce a offrire.

Le iniziative

Si parte già con le iniziative, la prima grazie a un bando regionale che finanzia la metà del progetto. Si tratta del corso di formazione per lettori volontari, che si terranno a dicembre nella biblioteca di Borgo Trieste e rivolti a lettrici e lettori che operano nelle biblioteche comunali e nelle realtà della rete del Patto. Grazie ai tirocini universitari è stata aperta la pagina Facebook Patto di Verona per la Lettura, dove trovano risonanza tutte le iniziative via via segnalate dai sottoscrittori e le informazioni sui progetti nazionali. In programma a metà dicembre il Tavolo di coordinamento generale di tutte le realtà aderenti.

«In Italia c’è tantissimo da fare per promuovere e diffondere il piacere della lettura – sottolinea l’assessora alla Cultura Marta Ugolini -. Siamo orgogliosi di questo riconoscimento perché non solo premia il lavoro svolto ma apre la strada ad un’ampia progettualità. Attraverso il Patto per la Lettura abbiamo coinvolto una pluralità di attori con cui stiamo facendo rete e che in pochi mesi sono già raddoppiati. Il ruolo del Comune sarà di spingere, supportare e coordinare le attività. Ringrazio l’Amministrazione per aver creduto in questo progetto e averlo stimolato, e tutte le persone che stanno contribuendo a realizzarlo».

«Ora che abbiamo il riconoscimento, dobbiamo dargli contenuto – ha aggiunto l’assessora alle Politiche educative Elisa La Paglia -. Il Patto per la Lettura è stato uno dei primi provvedimenti della giunta, a dimostrazione dell’attenzione e della sensibilità verso un aspetto molto importante non solo dal punto di vista educativo ma anche sociale. In questi mesi non siamo rimasti fermi, abbiamo già partecipato a diversi bandi, uno dei quali ci permette di realizzare dei corsi di formazione per lettori volontari. A dicembre incontreremo le 150 realtà che hanno aderito e quelle che vorranno unirsi in questo percorso».

Corsi per lettori volontari

Quali voci per quali libri?

Il primo è “Quali voci per quali libri?”, a cura di Alessia Canducci, attrice, lettrice e formatrice accreditata Nati per Leggere. Un corso base di dodici ore articolato in tre moduli, dedicato a 25 nuovi lettori volontari. I giorni e orari previsti sono:

  • venerdì 9 dicembre 2022 ore 16-19;
  • sabato 10 dicembre 2022 ore 9-13 e 14-19 (comprensivo di un laboratorio dimostrativo per famiglie).

Dare voce e narrare con la musica

Il secondo è il corso avanzato “Dare voce e narrare con la musica”, a cura di Emanuela Bussolati, autrice e formatrice, ed Elisabetta Garilli, autrice, musicista e formatrice. Di 12 ore, è articolato in 3 moduli, dedicato a 25 lettori volontari già operanti da anni nei servizi. I giorni e orari previsti sono:

  • venerdì 16 dicembre 2022 ore 16-19;
  • sabato 17 dicembre 2022 ore 9-13 e 14-19 (comprensivo di un laboratorio dimostrativo per famiglie).

Leggi il Verona Eventi

Scopri tutti gli eventi e spettacoli della settimana a Verona e provincia!
Esce il giovedì

CLICCA QUI PER RICEVERLO GRATUITAMENTE!

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI
PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM

radio adige tv

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI
PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM

radio adige tv