Tutto pronto ad Arbizzano per il Valpolicella Film Festival

Dal 9 al 12 novembre arriva ad Arbizzano il Valpolicella Film Festival, la nuova rassegna del Verona Green Movie Land per la direzione artistica di Alessandro Anderloni che andrà a raccontare di cinema, viaggio, esplorazioni e terre lontane. La kermesse è stata presentata venerdì 28 ottobre a Negrar.

Valpolicella Film Festival

È firmato Verona Green Movie Land il Valpolicella Film Festival che dal 9 al 12 novembre 2022 a Villa Albertini (Sala Becinema) di Arbizzano, per la direzione artistica di Alessandro Anderloni, andrà a raccontare di cinema, viaggio, esplorazioni e terre lontane. Fra gli ospiti Silvano Paiola con la sua mostra Oltre confine – Immagini dal pianeta Terra, ma anche l’esploratore Tono De Vivo del team La Venta con i suoi racconti di viaggi in luoghi remoti del pianeta Terra e lo scrittore Franco Michieli esperto di traversate selvagge che compie in solitaria, senza strumenti di orientamento, in dialogo con la sola Natura. 

Perché il tema del viaggio? È la Valpolicella stessa ad averlo ispirato: «Le colline di questa valle, osservate dall’alto – spiega Alessandro Anderloni, – sembrano avere la forma di una mano che avvolge i paesi e le persone. Imbarcati su una nave che salpa al largo della nostra immaginazione e curiosità, con la prima edizione del Valpolicella Film Festival partiamo per viaggiare ed esplorare luoghi lontani da questa valle che pure apre i suoi orizzonti al mondo intero». E poi c’è Salgari: «La Valpolicella ha un’attitudine speciale a guardare il mondo. Essa nasce forse dall’essere stata la culla di Emilio Salgari che, senza mai muoversi da qui, ha raccontato storie di viaggi esotici, e di terre lontane, o forse dall’aver trovato con il vino una lingua universale per raggiungere ogni angolo del pianeta. Ecco perché abbiamo scelto come tema di questo primo film festival della Valpolicella il viaggio, l’esplorazione e le terre lontane. Film e ospiti racconteranno del nostro desiderio innato di muoverci, di conoscere, di imparare confrontandoci. Visiteremo terre remote, saliremo a quattromila metri e scenderemo nelle profondità dei ghiacci, impareremo a perderci e a ritrovarci, scopriremo che grazie al buon cinema possiamo permetterci di viaggiare restando qui, di guardare al mondo da questa valle abbracciata dalle colline».

Il Festival apre con Lunana, a Yak in the Classroom (Lunana, uno yak in classe) di Pawo Choyning Dorji, un film low budget, girato a 4.000 metri di altitudine nel Buthan con attori non professionisti, che ha conquistato il mondo, arrivando alla candidatura nella cinquina degli Oscar come miglior film straniero nel 2022. Presentato in anteprima italiana in Lessinia nel 2020, al Valpolicella Film Festival verrà proiettata anche l’intervista esclusiva realizzata da Alessandro Anderloni al regista prima che il film dal Buthan arrivasse a Hollywood. Nelle serate successive, una è dedicata a una selezione di cortometraggi dal mondo, una all’esplorazione con le incredibili immagini realizzate dal team La Venta nel più grande fiume sotterraneo del mondo, nelle Filippine e infine la chiusura è con il film Il cammino per Santiago a raccontare il più frequentato cammino a piedi del mondo.

Non solo film

Alle ore 18.00 lo spazio incontri dell’osteria La Coopera 1945 ospiterà gli aperitivi letterari che si aprono giovedì 10 novembre con l’esploratore Tono de Vivo che mostrerà le esclusive immagini realizzate dal team La Venta sui Tepui, in Sudamerica, nella grotta dei cristalli giganti di Naica, in Messico, sui ghiacci della Groenlandia e i vulcani dell’Islanda. Venerdì 11 novembre lo scrittore Franco Michieli presenta il suo ultimo libro Per ritrovarti devi prima perderti (Ediciclo, 2022) e spiega che imparare a orientarsi in Natura, lui che compie attraversate di decine di giorni senza il supporto di mappe, telefoni o satellitari, sia  un percorso di liberazione culturale, un modo per capire come intraprendere il cammino della vita. La serata di sabato 12 novembre a La Coopera è dedicata alla musica dal vivo con Giulio Deboni – Do Vago e il suo BNFSHH: un percorso di paesaggi sonori, composizioni originali e rumori stratificati con le tradizioni musicali raccolte in viaggio in Iran. 

Il programma è arricchito da tre sessioni di proiezioni al mattino per le scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado della Valpolicella, con una selezione internazionale di film di animazione, cortometraggi e documentari sui temi del festival in due sessioni di proiezione per ciascuna mattina.

Verona Green Movie Land

La prima edizione del Valpolicella Film Festival è nata grazie a Verona Green Movie Land, un progetto di cui fanno parte il Film Festival della Lessinia, il Bardolino Film Festival, il Legnago Film Festival, il Soave Film Festival e il Teodorico Summer Fest di Verona. Quello della Valpolicella è il quinto evento di un progetto che guarda alla provincia di Verona come la capitale futura del cinema sostenibile.

Organizzato dall’associazione MyPlanet 2050 con il sostegno della Camera di Commercio di Verona e del Comune di Negrar di Valpolicella e con il supporto di Blue Engineering, il Valpolicella Film Festival vede la collaborazione del Film Festival della Lessinia, della Cooperativa Hermete, de La Coopera 1945 e della Nobile Compagnia della Buona Tavola.

L’ingresso agli aperitivi letterari delle ore 18.00 è gratuito. L’ingresso alle proiezioni è di €5 con biglietti acquistabili presso la sala Becinema di Arbizzano prima degli spettacoli.

Programma e informazioni sulla pagina Facebook Valpolicella Film Festival, sul sito di Verona Green Movie Land www.vgml.it e scrivendo a comunicazione@vgml.it.

Leggi il Verona Eventi

Scopri tutti gli eventi e spettacoli della settimana a Verona e provincia!
Esce il giovedì

CLICCA QUI PER RICEVERLO GRATUITAMENTE!