Teatro Ristori, omaggio questa sera ad Astor Piazzola

Questa sera alle 20, in occasione dei 100 anni dalla nascita del celebre musicista, compositore e arrangiatore argentino, il solista Federico Mondelci, I Virtuosi Italiani e i danzatori Margarita Klurfan e Walter Cardozo metteranno in scena lo spettacolo Buon Compleanno Astor! In streaming sui canali social del Teatro Ristori.

Questa sera alle ore 20 prosegue la rassegna Digital del Teatro Ristori con una speciale collaborazione tra concertistica e danza, con il direttore e solista Federico Mondelci, I Virtuosi Italiani e i danzatori Margarita Klurfan e Walter Cardozo. In scena Omaggio a Piazzolla in occasione dei 100 anni dalla nascita.

«…debbo dire la verità più assoluta. Potrei raccontare una storia di angeli ma non sarebbe la vera storia. La mia è di diavoli, mescolata con angeli e con un po’ di meschinità: bisogna avere un po’ di tutto per andare avanti nella vita…». Queste parole di Astor Piazzolla sono tratte dal libro “A manera de memorias” di Natalio Gorin, un libro-intervista dove l’uomo scopre e spiega l’artista, ripercorrendo gran parte della storia musicale argentina ed internazionale del 1900. Il personaggio che lo incarna è un angelo, a cui Astor ha dedicato una intera suite, che viene inclusa nel programma che Federico Mondelci e gli archi de I Virtuosi Italiani gli hanno dedicato in occasione del suo centesimo compleanno. 

LEGGI ANCHE: Il lotto di vaccino AstraZeneca ritirato non è stato usato a Verona e provincia

Walter Cardozo e Margherita Klurfan

Archi e sassofono si infiammano allo stesso modo di una nuova e bellissima febbre che si manifesta in brividi, segreti, palpitazioni, silenzi fluenti, trionfi e lacrime che crepitano sotto la superficie scura della musica, fondendosi in un’unità elegante e intensa come l’equilibrio della ragione e della passione.

Mondelci ha rielaborato la musica di Piazzolla con originalità e fantasia, rivestendola della stessa eleganza istintiva con cui il tono smorzato ma penetrante del suo sassofono richiama i languori altezzosi del bandoneon. Con abile affetto, devozione, professionalità e puro amore per il suo strumento, Mondelci condivide la stessa intuizione che tormentava e motivava il giovane Piazzolla: la necessità di ripensare completamente – ma sempre con rispetto e ammirazione – una musica che già esisteva, e rielabora il suo materiale tematico secondo le proprie sensibilità e imperativi creativi. Dal vaso traboccante di melodie scritte e registrate da Piazzolla per vari ensemble e scopi, Mondelci ha realizzato un nuovo e sofisticato intreccio tra orchestra e solista.

«La mia passione per la musica di Astor Piazzolla è nata intorno agli anni ’90, epoca in cui le sue melodie venivano proposte molto raramente nelle sale da concerto» afferma Mondelici. «È stata un’autentica folgorazione. Ho intuito che con il sassofono si potesse dare una veste nuova alle composizioni di Piazzolla, ho così considerato di riscrivere le orchestrazioni basandomi sui vari sassofoni, principalmente soprano e contralto».  

«È stato un lavoro intenso, assai complesso, dove mi sono spinto a limiti piuttosto estremi di virtuosismo, osando molto, sia nella scrittura della parte solistica che per le orchestrazioni. Il sassofono ridisegna le melodie e i timbri malinconici del bandoneon esplorando anche le inflessioni della voce umana mentre gli archi dell’orchestra dialogano e sostengono il ritmo di tanghi e milonghe con timbriche di straordinaria bellezza» prosegue.

«Alcuni di questi brani sono confluiti nel CD pubblicato dall’etichetta americana Delos, che riceve una entusiastiche recensioni e il New York Times lo sceglie come CD dell’anno» conclude. «Ora il progetto torna a vivere grazie ad una collaborazione con lo straordinario ensemble de I Virtuosi Italiani, celebrando così  il 100° anniversario della nascita di Astor Piazzolla. Il programma di questo concerto comprende brani celeberrimi e anche delle rarità, tra queste una composizione dedicata a Jerry Mulligan».

LEGGI ANCHE Il Festival lirico 2021 si farà: presentata oggi in Arena la 98esima stagione

Federico Mondelici

Docente, camerista, Solista e Direttore d’Orchestra, Federico Mondelci è da trent’anni, uno dei maggiori e più apprezzati interpreti del panorama musicale internazionale. Diplomato in sassofono al Conservatorio di Pesaro, ha studiato anche canto, composizione e direzione d’orchestra; ha perfezionato gli studi al Conservatorio Superiore di Bordeaux sotto la guida del M° Jean-Marie Londeix, diplomandosi con “Medaglia D’Oro” all’unanimità. Federico Mondelci svolge la sua carriera a fianco di orchestre quali la Filarmonica della Scala con Seiji Ozawa, I Solisti di Mosca con Yuri Bashmet, la Filarmonica di San Pietroburgo e la BBC Philharmonic sui palcoscenici più famosi del mondo: in Europa, Usa, Australia e Nuova Zelanda.

I Virtuosi Italiani

Il complesso de I Virtuosi Italiani, nato del 1989, è una delle formazioni più attive e qualificate nel panorama musicale italiano ed internazionale, regolarmente invitata nei più importanti teatri, festival e stagioni in tutto il mondo. Viene loro riconosciuta una particolare attitudine nel creare progetti sempre innovativi, una costante ricerca nei vari linguaggi, oltre all’eccellente qualità artistica dimostrata in anni di attività.

L’attività discografica è ricchissima, con più di 150 titoli registrati per le maggiori case discografiche. Ultime tra tutte in ordine cronologico: una registrazione per la prestigiosa casa discografica Deutsche Grammophon, dedicata a una monografia di Morten Lauridsen, con la quale nel mese di giugno ha ricevuto la nomination degli Opus Classic Awards 2019, il più importante premio per la musica classica in Germania; un CD con le più famose ouverture dalle opere di Rossini per il 150° anniversario dalla morte e nel mese di agosto 2019, una registrazione per un’altra etichetta di riferimento mondiale, la Warner Classics – Erato con il contenuto interamente dedicato a Gioachino Rossini.

Collaborano regolarmente con solisti e direttori di rilevanza mondiale. Dal 2011 sono protagonisti di una Stagione Concertistica, nella Chiesa dell’Ospedale della Pietà a Venezia, luogo in cui Antonio Vivaldi per tutta la sua vita suonò, insegnò e diede la luce a tutte le opere. Direttore Principale è Corrado Rovaris

Walter Cardozo e Margherita Klurfan

Si sono esibiti all’estero: al “SaniFestival” (Grecia), “Festival Wacyjny” (Polonia), “Treffpunkt Stuttgart” e Berlino (Germania); hanno tenuto stages a Varsavia e Cracovia (Polonia), Isola (Slovenia), ecc. Dal 2005 sono invitati dalle orchestre: “Four for Tango”, “Tango x Tres”, Progetto Piazzolla”, Vientos de Tango”, e “Madrugada” come ballerini per diversi spettacoli.

Nello stesso anno fino al 2009 hanno collaborato con la Compagnia Naturalis Labor di Vicenza come coreografi e ballerini di Tango, partecipando agli spettacoli “Declaracion” (2005), “Alma de Tango”(2006); “La Catedral” (2007) e “Noche de Tango” (2008) che li hanno visti esibire in diversi teatri (Verdi di Pisa, Carignano di Torino, Camply di Verona, ecc) e festival di danza contemporanea come Vignale Danza, Abano Danza, Operastate (Bassano), Danza Comacchio (Ferrara), DanzaFest (Bergamo), Oriente-Occidente (Rovereto).

Dal 2007 sono invitati dall’Orchestra “Tipica Marcucci” come ballerini per diverse rappresentazioni e assieme a Daniel Binelli e Eduardo Isaac presentano lo spettacolo “Tango and Friends. Nel 2009 hanno partecipato al festival “Tango y Mas” interpretando i brani composti dal maestro Hector Ulisses Passarella. Le loro ultime Tournee (agosto-settembre 2008 e 2009) li ha portato a Dubai (Emirati Arabi), Singapore, Jakarta e Bali (Indonesia), Saigon (Vietnam).

Collaborano con il Duo Maclè dal 2010 in diversi spettacoli. Nel 2013 sono invitati dalla compagnia Passiones di Erica Boaglio e Adrian Aragon per partecipare al loro spettacolo nel Latinoamericando Festival. Nel 2014 sono stati invitato al Festival Time in Jazz, dove si sono esibiti assieme al bioloncelista Leonardo Sapere e con invitato il trombetista Paolo Fresu. Nel 2015 hanno debuttato con lo spettacolo Dolores Hotel, produzione per il festival Prospettiva Danza 2015.

Maggiori informazioni sulla rassegna Teatro Ristori Digital. Per seguire i concerti sarà sufficiente collegarsi alla pagina Facebook del Teatro Ristori o al canale YouTube

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM