“Viaggio in Italia nel tempo e negli stili” dal Romanticismo al Novecento

Al via dall'11 ottobre la nuova rassegna di spettacoli al Teatro Filarmonico.

Foto Ennevi.

I complessi artistici e tecnici di Fondazione Arena tornano all’opera dopo i successi del Festival 2019: dall’11 ottobre al 31 dicembre è in programma una raffinata rassegna che parte da Cimarosa, che esplorerà il grande repertorio italiano romantico fino a toccare il primo Novecento. Biglietti e abbonamenti per questo “Viaggio in Italia nel tempo e negli stili” sono ancora disponibili.

Le opere e i concerti proposti all’interno della rassegna autunnale intendono attraversare l’Italia in un viaggio musicale nel tempo e negli stili dal Settecento fino all’inizio del Novecento, attraverso un ricco programma che alterna tre concerti sinfonici a tre titoli d’opera, ognuno emblematico del proprio secolo di composizione (Il Matrimonio segreto per la fine del Settecento, L’Elisir d’amore per il pieno Ottocento e Madama Butterfly per il primo Novecento) e ognuno proposto in un allestimento completamente nuovo per il palcoscenico veronese. In chiusura verrà proposto il tradizionale Concerto di Capodanno, appuntamento assai sentito dal pubblico del Teatro per la Notte di San Silvestro.

Ad aprire la stagione due concerti sinfonici: l’11 e il 12 ottobre viene eseguita la Missa pro defunctis in sol minore per coro e orchestra di Cimarosa, uno dei massimi e conosciuti capolavori sacri del Settecento, che vedrà Alessandro Cadario, esperto interprete di pagine sinfonico-corali, alla guida dei complessi artistici areniani insieme alle giovani ma già affermate voci soliste di Eleonora Bellocci, Lorrie Garcia, Metteo Mezzaro e Alessandro Abis.

L’intero programma, fino a martedì 31 dicembre, è disponibile sul sito https://www.arena.it/filarmonico/it