Parco Ottocento, venerdì l’inaugurazione

Natura e storia riportate alla luce da un progetto ambientale e culturale che valorizza il territorio veronese. L'inaugurazione si terrà il 30 agosto.

parco ottocento

Venerdì 30 agosto si alza ufficialmente il sipario sul nuovo Parco Ottocento: area di valore storico e naturalistico, a ridosso del Chievo, che si presenterà al pubblico con una serata di spettacolo e musica, protagonista una rappresentanza dei gruppi di Verona Beat in tour, guest star Renato dei Kings, con conduzione a cura di Gigi Vesentini, uno dei giornalisti e conduttori più amati dal pubblico veronese.

Dobbiamo risalire a 160 anni fa per individuare il primo tracciato del Werk Erzherzog Albrecht, forte austriaco integrato – una volta terminata la costruzione – nella linea più avanzata del nuovo campo trincerato (1861), come cardine settentrionale del sistema. Il forte (poi detto) Parona fu bombardato dal cielo nel 1944, saltarono in aria i depositi di esplosivi e oggi rimangono i resti del terrapieno e del fosso, in un’area fino a pochi mesi fa abbandonata a se stessa, invasa dalla vegetazione ed irriconoscibile nella sua bellezza, che è stata invece riscoperta e rivalorizzata da un paziente lavoro di pulizia nelle intatte parti boschive.

Dopo alcune settimane di rodaggio con primi appuntamenti di intrattenimento a Ferragosto, è l’ora dell’inaugurazione pubblica.

Il Parco Ottocento è aperto – con orario estivo – dalle 10 a mezzanotte; la serata inaugurale inizia alle 19.30 con una sfilata di moda per bimbi, in collaborazione con AB parrucchieri&truccatori, Bouquet scuola danza e La Trottola abbigliamento per bambini.

Dalle 21 a mezzanotte, musica con Verona Beat in tour: White Shadows * Pop Crack Band * Spettri * Ricky e le Perle * Marbos * Anime Nere. E con la partecipazione straordinaria di Renato della King Rock’n’roll band (Renato Bernuzzi voce, Lelio Maira batteria, Valerio Zampini chitarra, Maurizio Bello chitarra e voce, Loris Tinazzi tastiere, Luciano Tinazzi basso). L’ingresso è libero.