“La signorina Julie” in scena al Teatro Laboratorio

Il capolavoro della drammaturgia scandinava ed europea, scritto da August Strindberg, andrà in scena venerdì 11 e sabato 12 ottobre, alle 21.

Venerdì 11 e sabato 12 ottobre, alle 21, al Teatro Laboratorio di Verona (ex Arsenale) è di scena “La signorina Julie”, che il drammaturgo svedese Strindberg scrisse nel 1888 e che fu oggetto di uno scandalo clamoroso nella società conformista dell’epoca, ma rese famoso l’autore al pubblico mondiale.

Capolavoro della drammaturgia scandinava ed europea, la vicenda trae spunto da un fatto di cronaca. La sua forza viene tutta dalla mano personalissima di August Strindberg, maestro del teatro nordico, che non attenua i toni più scabrosi e denuda di continuo gli aspetti più intimi e riposti del rapporto tra i protagonisti. Una tragedia avvolgente come un giallo, dove dietro le azioni dei protagonisti si nascondono verità sconcertanti.

Dopo un inizio apparentemente brioso, in cui si delinea la tresca fra il domestico Jean e la cuoca Kristin in una tenuta scandinava di fine Ottocento, fa la sua spettrale apparizione la figlia del padrone di casa. Julie è una venticinquenne già avvizzita dentro per colpa di un dramma familiare di cui sconta le conseguenze. Nemmeno la possibilità di un amore con il suo domestico può salvarla dal destino che porta con sé. Intanto, si scopre la natura dell’arrivista e perfido Jean, nonché i misfatti di Kristin.

Drammaturgia e regia di Lelio Lecis, con Julia PirchGiovanni Andrea Vinci, Erika Carta; produzione Akroama Teatro Stabile d’Innovazione. I biglietti si acquistano direttamente alla biglietteria del Teatro Laboratorio, aperta dalle ore 20.

Ingresso intero € 10,00, ridotto over 65 e under 25 € 8,00, persona con disabilità + accompagnatore € 1,00+ 1,00. Info045/8031321 – 3466319280.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.