Festival di Cinema Africano, gli appuntamenti di oggi e domani

Ecco gli appuntamenti con il Festival di Cinema Africano in programma lunedì 11 e martedì 12 novembre.

Nell’ambito della 39esima edizione del Festival di Cinema Africano, doppio appuntamento oggi pomeriggio alla Libreria Pagina Dodici, Corte Sgarzerie 6/A: si svolgerà alle 14 un laboratorio riservato alla scuola primaria con Takoua Ben Mohamed, giovane fumettista e graphic journalist, ideatrice del “fumetto intercultura”, che combatte gli stereotipi a colpi di matita. Con carta, colori e fantasia, impariamo a raccontare una storia vera attraverso il fumetto raccontato da noi e per noi.

Seguirà, alle 18.30, la presentazione del libro, con la giornalista Jessica Cugini, ” In mezzo al mare. Storie di giovani rifugiati”, di Mary Beth Leatherdale e Eleanor Shakespeare.

Le cinque storie vere raccontate nel libro “In mezzo al mare” partono da luoghi e periodi storici diversi, dal dopoguerra ai giorni nostri, ma sono unite da un filo rosso: sono storie di fuga. I protagonisti sono tutti giovani, tutti attraversano il mare, tutti fuggono da guerre, povertà e persecuzioni.

Illustrato da Eleanor Shakespeare e scritto dall’autrice canadese Mary Beth Leatherdale, il libro ha vinto numerosi premi. È stato tradotto da Mariella Bertelli in collaborazione con i ragazzi volontari della Biblioteca IBBY di Lampedusa e 1€ di ogni copia venduta sarà devoluto alla Biblioteca stessa.

Domani, martedì 12 novembre, alle 18.30 in programma un workshop di fumetto graphic journalism per il web con Takoua Ben Mohamed, sempre alla libreria Pagina Dodici. Alle 21 si proseguirà con le proiezioni al Cinema Teatro Santa Teresa “Les pastèques du cheickh”, con protagonista un imam devoto e rispettato, che viene messo in discussione per aver pregato accanto al cadavere di una donna sconosciuta, e “Fatwa”, del regista Mahmoud Ben Mahmoud, che sarà presente in sala per accompagnare la visione della storia di Brahim Nadhour, figura centrale del suo film, un padre che torna a Tunisi per seppellire il figlio, scoprendo così che il ragazzo apparteneva a un gruppo islamista radicale.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.