Eadem Produzioni presenta al Camploy il monologo “Il caso Mahler”

Debutta il 14 febbraio alle ore 21, in prima nazionale, il nuovo spettacolo targato Eadem Produzioni: "Il caso Mahler".

Si tratta de “Il caso Mahler”, su testo di Andrea De Manincor per la regia di Marco Brogi, soggetto e produzione di Gionata Lao. E’ il secondo appuntamento della Rassegna “L’altro teatro” promossa e organizzata dal Comune di Verona nello spazio pubblico cittadino del Teatro Camploy.

Protagonista unica in scena l’attrice veronese Sabrina Modenini, qui unica e vera “mattatrice” di una pluralità di approcci femminili vulnerati da una presenza maschile ingombrante, soverchiante e sovente manipolatoria in cui la donna deve cedere “de iure” il campo al primato maschile nell’arte come nella vita.

Ecco così alternarsi, attraverso gli occhi dell’accordatrice Maura, le figure di Nannerl Mozart, la sorella del genio salisburghese non meno di lui dotata ma destinata dal padre a un mero ruolo di supporto economico all’attività del fratello; la risentita figura di Nadezhda Pulgod Korsakova moglie compositrice di Nikolaj Rimsky-Korsakov sino a giungere ad Alma Schindler, la prorompente moglie di Gustav Mahler, che, trapassando attraverso tre matrimoni e numerose relazioni con uomini tra i più importanti del Novecento, ha improntato di se tutto il secolo scorso.