Le Cantine de l’Arena aprono il nuovo anno con cinque nuovi concerti

Le Cantine de l'Arena aprono il 2020 con cinque nuovi appuntamenti musicali, in programma da venerdì 3 a domenica 12 gennaio.

Venerdì 3 gennaio, alle 22, per il primo concerto del nuovo anno arriva alle Cantine il mondo fantastico di Disney presentato da Silvia e gli Stregatti, mentre domenica 5, alle 19, sarà la volta del trio Casale-Gibellini-De Franceschi. Martedì 7 gennaio, alle 20.30, si proseguirà con la musica di Broadway Standards insieme al trio In ‘N Out; venerdì 10 gennaio salirà sul palco il quintetto Babataky, con classici dal pop al rock italiano e internazionale, magistralmente riarrangiati in stile swing; infine, domenica 12 gennaio, alle 19, atmosfera “old time” di vecchie balere con i veronesi The Hot Teapots.

Il quartetto Silvia & Gli Stregatti (ovvero Silvia Zago alla voce, Stefano Barbi al piano, Nicola Monti al basso e Manny Ingite alla batteria) riprende alcune delle più famose canzoni Disney rileggendole tra swing, improvvisazione blues e bossanova. Tutte composizioni appartenenti ai più famosi cartoni concepiti dalla Disney dagli anni ‘30 agli anni ’60  diventati in moltissimi casi dei celebri standard immortalati non solo nelle scalette di grandi cantanti, ma anche nelle versioni strumentali dei più grandi jazzisti del secolo scorso. Tra i pezzi del repertorio ci sono When you wish upon a star, Crudelia Demon, Bibbidi bobbidi boo, Jungle book, Unbirthday song, Once upon a dream,The bare necessities, Heigh ho, I wanna be like you, A dream is a wish your heart makes, Who’s afraid of the big bad wolf, Someday my prince will come…

Il trio Casale-Gibellini-De Franceschi nasce nel 2016 dall’entusiasmante riavvicinamento tra due amici di lunga data (il rinomato chitarrista italiano Sandro Gibellini e lo straordinario batterista Francesco Casale), che con il giovane bassista veronese Martino De Franceschi decidono di dare vita ad una formazione scoppiettante, proponendo un vivace repertorio che spazia dal jazz tradizionale alla musica brasiliana, con uno sguardo anche al pop e alla musica da film. Recentemente è uscito il primo disco intitolato “The Odd Trio”, una dinamica ed eterogenea collezione di brani originali e di rivisitazioni inaspettate.

Membri storici degli In ‘N Out sono il pianista Paolo Birro e il contrabbassista Lorenzo Conte, che suonano assieme da moltissimi anni, sia in duo che in formazioni più numerose. In trio, in passato hanno collaborato e pubblicato con il famoso batterista americano Eliot Zigmund, mentre l’anno scorso con il batterista newyorkese Anthony Pinciotti hanno registrato il cd “Work Out” dedicato a famosi brani dell’etichetta discografica Blue Note. In questa occasione sono affiancati dal giovane talento Marco Soldà.

Da un idea di Nicola Lovato, cantante e intrattenitore veronese, nasce nel 2017 il progetto Babataki, una rilettura dei classici del pop italiano e internazionale,  del rock e della dance, con arrangiamenti che rimandano al periodo d’oro dello swing. In un repertorio che spazia da Modugno a Concato, passando per Bongusto, Paoli e De Gregori, la nota comune è proprio la leggerezza dello swing… Completano il gruppo Pietro Zerpelloni (piano), Juri Pin (chitarra), Alfonso D’antuono (basso) e Lele Zamperini (batteria).

Formatosi come gruppo di strada, The Hot Teapots sono un collettivo musicale di fiati e strumenti a corda dedito all’esecuzione di musica da ballo degli inizi del ‘900. Sono Michele Bertoldi banjo, chitarra e voce, Davide Vincenzi sax e clarinetto, Federico Zaltron violino e viola, Martino De Franceschi contrabbasso, Nelide Bandello  batteria e washboard.

Affascinati dal suono delle vecchie registrazioni d’epoca, suonano un repertorio composto da brani della tradizione del jazz di New Orleans, del country-blues pre-bellico, vecchi ragtime, successi pop ormai dimenticati e una manciata di canzoni originali; senza disdegnare incursioni nel calypso, nella musica sudamericana e in altri tipi di musica popolare.