Cambio d’orario domenica al Nuovo per lo spettacolo di Lella Costa

Allo spettacolo "Se non posso ballare…" in programma al Teatro Nuovo l'8 febbraio, è stata aggiunta la recita straordinaria di domenica 9 febbraio. L'orario indicato sul biglietto è però errato, lo spettacolo sarà alle ore 16 anziché alle ore 21.

lella costa -teatro nuovo

Per non deludere i tanti fan dell’attrice Lella Costa, allo spettacolo “Se non posso ballare…” in programma, fuori abbonamento al Teatro Nuovo, sabato 8 febbraio alle ore 21.00 nell’ambito della rassegna Divertiamoci a teatro, era stata aggiunta la recita straordinaria di domenica 9 febbraio.

I biglietti stampati per la rappresentazione domenicale e acquistati nella prima fase di prevendita recavano, come orario d’inizio, le ore 21. Viene comunicato invece dagli organizzatori del “Divertiamoci a Teatro” che l’orario definitivo dello spettacolo sarà le 16.

I possessori dei biglietti con l’errata ora d’inizio dello spettacolo potranno accedere al Teatro Nuovo domenica 9 alle 16 direttamente col biglietto in loro possesso senza bisogno di commutarlo alla cassa del teatro.

In questo nuovo spettacolo, ispirato a “Il catalogo delle donne valorose” di Serena Dandini, Lella Costa porta in scena donne intraprendenti, controcorrente, spesso perseguitate. Donne a volte incomprese che hanno lottato per raggiungere traguardi che sembravano inarrivabili, se non addirittura impensabili. Donne valorose che per quanto abbiano segnato la storia, per uno strano sortilegio vengono raramente ricordate.

Alcune di loro sono Maiy Anderson che inventò il tergicristallo, Lillian Gilbreth che inventò la pattumiera a pedale, Maria Telkes ed Eleonor Raymond che inventarono i pannelli solari. Marie Curie, Nobel per la fisica, Olympe De Gouge che scrisse la “Dichiarazione dei diritti della donna e della cittadina”, Tina Anselmi, primo ministro della Repubblica italiana, e Tina Modotti, la fotografa guerrigliera.

Lella Costa e Serena Dandini ci ricordano che sono davvero tante queste donne: Martha Graham, Pina Baush, Maria Callas, Emily Dickinson, Angela Davis, Ilaria Alpi, le sorelle Bell, Virginia Woolf, Ingrid Bètancourt, Hannah Arendt, Annie Besant, Grazia Deledda, Yolanda D’Aragona, Anna Frank, Eloisa, Artemisia Gentileschi e molte altre, più di… cento! Lella Costa, come un gran cerimoniere, le invita a entrare in scena e balla con loro. «Perché – come disse una di loro, Emma Goldman – se non posso ballare questa non è la mia rivoluzione!».

Per maggiori informazioni visitare il sito del Teatro Nuovo.