Al Modus in scena lo spettacolo “Bon Mariage. Commedia illuministica sul matrimonio fronte e retro”

Torna il Teatro Impiria sul palcoscenico del Modus di Verona con il suo ultimo successo, dopo i dieci soldout registrati nella scorsa stagione, "Bon Mariage. Commedia illuministica sul matrimonio fronte e retro" da venerdì 11 ottobre con sette repliche sino a domenica 20.

Lo spettacolo apre la rassegna “Ridere fa bene agli addominali”, uno dei molteplici percorsi della ricca stagione culturale di Modus 19/20.

Dopo le repliche al modus, lo spettacolo di Castelletti andrà in tournee toccando una trentina di Teatri in tutta Italia, dall’Alto Adige alle Puglie, dal Friuli al Piemonte.

Una fastosa commedia, con costumi e scene che ricreano il ‘700 francese, l’epoca dei lumi, basato sul pensiero dei più grandi filosofi, dagli antichi ai giorni nostri, per sorridere su uno dei comportamenti più farseschi dell’uomo: l’eterno dialogo tra i sessi e la difficile alchimia del matrimonio.

Il testo scritto da Andrea Castelletti poggia su una vasta ricerca sulla produzione filosofica ed intellettuale sul tema del matrimonio e della coppia, confluendo in una sorta di “sintesi omnia” in forma di commedia di quanto sia mai stato detto e negato sull’argomento.

I dialoghi sono infatti ricavati da battute, profonde e divertenti, di importanti pensatori, letterati e umoristi, calate in una trama tipica da vaudeville, tra intrighi e tradimenti di mogli, mariti, amanti e incomodi. Ai personaggi il compito quindi di portare in scena vari punti di vista e pensieri che si contraddicono e completano, lasciando allo spettatore la libertà di trarre le proprie conclusioni.  Una commedia quindi originale e brillante ma ricchissima di spunti e di riflessioni, trasmessi con simpatia e umorismo dove una forte vena di ironica leggerezza si innesta su illuminanti pensieri filosofici, di cui ciascun spettatore potrà far tesoro per domandarsi dove sta la Verità.
Scene, costumi e parrucche sono stati pensati per ricreare un gioco teatrale che restituisce nella forma della trasparenza l’intento di mettere a nudo il pensiero dei personaggi.

Lo spettacolo vede interpreti Michele Vigilante e Gherardo Coltri nella parte dei due filosofi, attorniati da un quartetto di brave e briose attrici: Chiara Rigo, Alessia Antinori, Valentina Stevan e la giovane Elena Perego. I costumi sono di Laura Consolini e le parrucche di Anna Penazzi mentre le scene sono state realizzate con il contributo degli studenti del Liceo Artistico Boccioni Nani di Verona nel progetto di alternanza scuola-lavoro. La regia a quattro mani è firmata da Laura Murari e Andrea Castelletti.

Repliche venerdì 11 ore 21.15, sabato 12 ore 21.15, domenica 13 ore 18.00, mercoledì 16 ore 21.00, venerdì 18 ore 21.15, sabato 19 ore 21.15, domenica 20 ore 18.00.

Il calendario completo degli spettacoli, informazioni e prenotazioni su modusverona.it.