Presentata la Stagione Artistica 2023 del Teatro Filarmonico

Sette titoli d’opera, dodici concerti sinfonici, prime assolute e classici intramontabili: è stata presentata ieri la nuova stagione del Teatro Filarmonico di Verona, con un ricco calendario di appuntamenti dal 22 gennaio al 31 dicembre.

Teatro Filarmonico Verona
Foto Ennevi

Presentata la Stagione Artistica 2023 del Teatro Filarmonico

Sette titoli d’opera, dodici concerti sinfonici, prime assolute e classici intramontabili, collaborazioni speciali, grandi interpreti e giovani talenti internazionali, concerti per le famiglie, una programmazione ancora più ricca per giovani, scuole e famiglie. Fondazione Arena di Verona annuncia per il 2023 al Teatro Filarmonico un rilancio completo delle proprie attività e delle maestranze artistiche e tecniche in vista dell’atteso Festival numero cento.

Il 2023 è un anno di grandi aspettative: se il precedente biennio ha costretto il pubblico a restare lontani dal teatro o tornarvi preferendo il biglietto all’abbonamento, l’anno prossimo permette una programmazione di ampio respiro della Stagione Artistica al Teatro Filarmonico, dimora invernale della Fondazione Arena di Verona. In virtù di un vero ritorno in sala, la Fondazione ha pensato a una stagione lunga e importante con tante formule per scegliere di rinnovare o riprendere il legame con il teatro e il piacere di uscire e ritrovarsi in sala grazie alla musica.

Le nuove offerte

A fianco delle consuete formule di abbonamento, quindi, Fondazione Arena ha creato nuove offerte

  • Venerdì in Platea con una ricca selezione di opere e concerti (9 titoli in un solo abbonamento);
  • Due mini-carnet (da 3 o 6 appuntamenti a scelta) per chi vuole ripartire con maggiore calma o fare una prima conoscenza con il Teatro Filarmonico.

La stagione lirica

La stagione artistica, dal 22 gennaio al 23 dicembre, presenta sei appuntamenti da non perdere, di cui uno con doppio titolo, che accostano opere conosciute e vere e proprie rarità, alcune interrotte dalla pandemia e proposte per la prima volta a Verona con il pubblico in sala.

Le nozze di Figaro

Quattro sono le recite del titolo inaugurale della Stagione, Le nozze di Figaro, opera comica in quattro atti di Wolfgang Amadeus Mozart, che torna sul palcoscenico del Filarmonico dopo cinque anni in un nuovo allestimento della Fondazione Teatro Nuovo Giovanni da Udine con regia, scene e costumi di Ivan Stefanutti e le luci di Claudio Schmidt. Tutte le rappresentazioni (222527 e 29 gennaio) saranno dirette dalla bacchetta esperta di Francesco Ommassini.

Aida

Vero e proprio omaggio al genio di Franco Zeffirelli è il secondo titolo del cartellone, Aida di Giuseppe Verdi, in scena dal 12 febbraio nell’allestimento realizzato nel 2001 da Franco Zeffirelli (per regia e scene) per il Teatro di Busseto in occasione del primo centenario della morte di Verdi, con i costumi di Anna Anni ripresi da Lorena Marin e le luci di Paolo Mazzon. La prima rappresentazione andrà in scena proprio nella ricorrenza esatta dei 100 anni dalla nascita del Maestro fiorentino, che più di chiunque altro ha saputo legare in modo indissolubile la sua arte e il suo genio agli spazi areniani. I quattro appuntamenti (repliche il 1517 e 19 febbraio) saranno diretti da Massimiliano Stefanelli, lo stesso maestro che tenne a battesimo questa produzione, che per ammissione dello stesso Zeffirelli rimane fra le sue più care di sempre.

Werther

Dal 26 marzo al 2 aprile è in scena per quattro rappresentazioni Werther, capolavoro di Jules Massenet, che mise in musica il testo di Goethe divenuto simbolo del Romanticismo. La tormentata storia d’amore fra il giovane Werther e Charlotte è stata rappresentata una sola volta al Teatro Filarmonico nel 1978: il titolo, appassionato e appassionante, fra i capisaldi del repertorio francese di tutti i tempi, tornerà quindi sul palcoscenico veronese dopo quarantaquattro anni in un allestimento recente, firmato da Stefano Vizioli (regia), Emanuele Sinisi (scene), Anna Maria Heinreich (costumi), Imaginraium Creative Studio (visual) e prodotto da OperaLombardia nei mesi maggiormente segnati dalla pandemia e ora finalmente visibile dal vivo, con un cast d’eccezione capitanato dal tenore Dmitry Korchak e dal mezzosoprano Vasilisa Berzhanskaya insieme a giovani colleghi fra i più talentuosi. 

Amleto

Stagione lirica Teatro Filarmonico Verona
Foto Ennevi

Produzione attesissima nel 2020 e cancellata a causa della pandemia è il quarto titolo della Stagione Lirica 2023: Amleto, summa artistica del veronese Franco Faccio (1840-1891), compositore e direttore d’orchestra molto ammirato dai massimi musicisti dell’epoca prematuramente scomparso. L’opera, tratta dal più celebre titolo shakespeariano, vantò il libretto di Arrigo Boito e un grande clamore all’epoca del suo debutto ma non fu più ripresa in Italia. Le quattro recite dal 22 al 29 ottobre costituiscono la prima rappresentazione italiana dell’opera in epoca contemporanea nel nuovo allestimento di Fondazione Arena con la regia di Paolo Valerio, talento veronese, già direttore del Teatro Stabile, con scene e projection design create da Ezio Antonelli. Sul podio salirà il ventisettenne Alessandro Bonato, anch’egli veronese, direttore principale dell’Orchestra Filarmonica Marchigiana, il più giovane con questo ruolo fra tutte le Istituzioni Concertistico Orchestrali italiane. 

Il parlatore eterno/Il tabarro

Proposto con successo nel 2021 in streaming, il quinto appuntamento della Stagione Lirica 2023 (dal 19 al 26 novembre) porta finalmente il pubblico in presenza per il dittico che accosta Il parlatore eterno, gemma buffa e inedita di Amilcare Ponchielli, eseguita per la prima volta al Filarmonico proprio nel 2021, all’intenso atto unico Il tabarro di Giacomo Puccini, entrambe produzioni realizzate dalla Fondazione Arena di Verona. 

La regia del Parlatore eterno è dell’areniano Stefano Trespidi, con le scene di Filippo Tonon, il coordinamento ai costumi di Silvia Bonetti e il disegno luci di Paolo Mazzon. Il titolo è accostato alla penultima delle opere pucciniane, con la regia di Paolo Gavazzeni e Piero Maranghi, le scene di Leila Fteita, i costumi di Silvia Bonetti e le luci di Paolo Mazzon. Sul podio dell’Orchestra areniana torna Gianna Fratta, direttrice già applaudita al suo debutto veronese nel recente dittico dedicato al teatro del Novecento.

Un ballo in maschera

La Stagione Lirica si concluderà con uno dei titoli più appassionanti e apprezzati di Verdi, Un ballo in maschera, assente da ben ventun anni dalla programmazione invernale della Fondazione e proposto dal 17 al 23 dicembre nell’allestimento storico del Teatro Regio di Parma in coproduzione con l’Auditorio de Tenerife, nato dal prezioso ritrovamento e restauro delle scenografie disegnate da Giuseppe Carmignani nel 1913 e riportato in scena per la regia di Marina Bianchi e i costumi di Lorena Marin, con la direzione d’orchestra affidata all’applaudito maestro Francesco Ivan Ciampa.

LEGGI LE ULTIME NOTIZIE SU EVENTI, CULTURA E SPETTACOLI

La stagione sinfonica

La stagione sinfonica 2023 prenderà il via il 24 febbraio e, in alternanza alle date di opera, proseguirà fino al 2 dicembre con 12 appuntamenti che vedranno protagonisti il Coro e l’Orchestra della Fondazione Arena di Verona affiancati da Direttori e solisti di fama internazionale, molti dei quali giovani di talento al primo esordio veronese, tra cui Alekseenok, Angius, Cadario, Cañón-Valencia, Korchak, Krylov, Maionchi, Manoshvili, Monzò, Ommassini, Onofri, Paszkowski, Peleggi, Pirolli, Principe, Ranno, Roma, Salerno, Santonja, Stier, Tirotta, senza dimenticare l’apporto in concerto di solisti provenienti dalle prime parti dell’Orchestra areniana.

Il programma

Si inizierà nel segno di Mahler con la celebre Quinta sinfonia, per esplorare poi concerti, serenate, ouverture, suite, preludi, balletti di J. S. Bach, Bartók, Beethoven, F. J. Haydn, Mendelssohn, Milhaud, Mozart, Poulenc, Purcell, Rachmaninov, Saint-Saëns, Schubert, Schumann, Šostakovič, Richard Strauss, Stravinsky, spesso in prima esecuzione assoluta al Teatro Filarmonico. Non mancheranno incursioni nella contemporaneità, con programmi comprendenti brani di Berio, Bosso, Gulda, Pärt né importanti appuntamenti con la musica sinfonico-vocale che impegneranno il Coro areniano, come nella grande Messa di Gloria di Rossini o nel Requiem di Fauré.

Tutti i concerti si terranno in doppia data, il venerdì alle ore 20 (turno A di abbonamento) e il sabato alle ore 17 (turno B). Come da tradizione, inoltre, si conferma l’appuntamento del tradizionale Concerto di Fine Anno del 31 dicembre (fuori abbonamento) per attendere l’arrivo del 2024 in una vera e propria festa in musica.

teatro filarmonico
Foto dalla pagina Facebook Fondazione Arena di Verona – Teatro Filarmonico.

Arena Young

La Stagione Artistica 2023 propone un ricco calendario anche per tutte le iniziative di Arena Young, rivolte a studenti e personale di scuole, università, accademie, fra cui anteprime, prove aperte, spettacoli, concerti e incontri dedicati. Per ogni opera è confermata un’anteprima rivolta esclusivamente al mondo della scuola; per la lirica e la sinfonica tornano i preludi di Ritorno a teatro, appuntamenti che introducono le trame e gli artisti e guidano all’ascolto.

Infine con la rassegna Il Teatro si racconta, Fondazione Arena produrrà nuovi spettacoli di teatro musicale dedicati a diverse fasce d’età della scuola, creando familiarità tra il Teatro e il nuovo pubblico. Nell’autunno 2022 prendono il via con un doppio appuntamento anche i nuovi Family Concert, con programmi e orari dedicati alla prima volta in teatro per le famiglie, anche per i più piccoli, e saranno proposti con nuovi spettacoli anche nell’autunno 2023. Informazioni e prenotazioni: Ufficio Formazione scuola@arenadiverona.it – tel 045 8051933

Gli abbonamenti e i biglietti singoli

La vendita degli abbonamenti della Stagione Lirica e Sinfonica al Teatro Filarmonico con diritto di prelazione (conferme abbonati Stagione 2022) inizia per la prima volta congiuntamente il 30 settembre e prosegue fino al 29 ottobre, mentre i nuovi abbonamenti possono essere sottoscritti a partire dal 31 ottobre fino ad esaurimento della disponibilità. I prezzi degli abbonamenti della stagione lirica vanno da 84 a 318 euro in base al settore prescelto, mentre gli abbonamenti per la stagione sinfonica vanno da 87 a 218 euro.

Oltre agli abbonamenti tradizionali segnaliamo la formula aperta Carnet 3 o 6 ingressi a partire da 66 euro che permette di costruire una propria agenda di appuntamenti con gli spettacoli proposti da Fondazione Arena al Teatro Filarmonico. Infatti, superando la modalità del turno e del posto fisso, il carnet permette di scegliere trasversalmente tra tutte le recite in programma e di utilizzare i tagliandi uno per volta o globalmente, per una o più serate, risparmiando così sull’acquisto del singolo biglietto. Infine è proposta anche l’opzione Venerdì in Platea: nove spettacoli fra opere e concerti a 315 euro (207 euro per gli over65, 126 euro per i giovani under30).

In esclusiva per gli abbonati: è compresa nell’abbonamento alla Stagione Lirica la Prima della nuova produzione di Aida del 17 giugno in Arena (data facoltativa). Per chi si abbona alla Stagione Sinfonica è incluso il Concerto dell’Orchestra e del Coro del Teatro alla Scala in Arena del 31 agosto (facoltativo). Per coloro che sceglieranno il maxi-abbonamento Opera + Sinfonica, in omaggio un biglietto di Poltronissima Gold per uno dei due eventi sopracitati.

È possibile acquistare abbonamenti e carnet presso la Biglietteria dell’Arena di Verona. I biglietti per singole opere e concerti saranno in vendita a partire dal 14 novembre 2022 presso la Biglietteria dell’Arena di Verona e sul sito www.arena.it.

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI
PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM