Postounico, Filippo Graziani canta il padre Ivan

Al Festival Postounico Filippo Graziani canta il padre Ivan. Due generazioni a confronto nel concerto di sabato 10 luglio a Corte Palazzo di Cologna Veneta, prima tappa veronese della rassegna musicale.

Filippo Graziani
Filippo Graziani

Un itinerario intimo tra le canzoni e nel mondo musicale di Ivan Graziani, osservato dagli occhi del figlio Filippo. È quanto propone a Cologna Veneta, sabato 10 luglio (alle 21), la prima delle due tappe veronesi di Postounico: il Festival della musica nei luoghi dell’arte organizzato dal Teatro Comunale di Lonigo e dal Comune di Lonigo in collaborazione con le Amministrazioni comunali di Cologna Veneta, Alonte, Arzignano, San Bonifacio, Sarego, Val Liona, Villaga. In caso di maltempo il concerto si terrà nel Teatro Comunale di Cologna Veneta.

Il concerto

A Corte Palazzo, un concerto e due generazioni a confronto, a partire da una comune passione per le note d’autore. Autenticamente rivoluzionario, Ivan Graziani (1945-1997) ha saputo coniugare chitarra rock e genere cantautoriale, scrivendo pagine indimenticabili della musica italiana degli anni Settanta e Ottanta. 

Nato e cresciuto in un ambiente familiare e artistico molto stimolante, da qui Filippo Graziani trae ispirazione per reinterpretare con la sua chitarra, il cuore e la brillante personalità brani leggendari quali Pigro, Lugano addio, Monna Lisa, Firenze e Maledette malelingue che a Corte Palazzo risuoneranno in tutta la loro potenza.

A distanza di anni dalla morte del padre, a 18 anni Filippo Graziani inizia con impegno a suonare la chitarra e percepisce grande affinità con questo strumento. Verso i 19 anni, assieme al fratello Tommy, batterista, tiene serate dal vivo in club e locali di tutta Italia, aprendo concerti e dividendo il palco con artisti quali Renato Zero, Vibrazioni, Morgan, Negramaro, Nicolò Fabi e Max Gazzè. Nel 2008 forma il gruppo Stoner-rock Carnera con il quale entra nei circuiti dei club nazionali e arriva ad aprire l’unica data italiana di Zakk Wilde, storico chitarrista di Ozzy dei Black Sabbath.

Si trasferisce poi a New York e contemporaneamente scrive canzoni in italiano contaminate dal sapore folk elettronico del nord degli Stati Uniti. Rientrato in Italia, decide di tornare alle radici con Viaggi e intemperie: omaggio alla produzione musicale del padre Ivan. Nel 2011 è fra i finalisti per la Targa Tenco come migliore interprete. Nel 2014 è selezionato tra i giovani di Sanremo e presenta il brano Le cose belle; nello stesso anno vince il premio Lunezia e la Targa Tenco per il migliore album d’esordio.

Il luogo

Corte Palazzo si apre oltre l’arco merlato dell’imponente Palazzo Pretorio (o Palazzo Capitaniato o Scaligero) oggi sede municipale. Costruito in laterizi, per volere di Cansignorio della Scala, durante la dominazione veneziana divenne residenza del Podestà-Capitano. L’inconfondibile merlatura risale al 1793. Il meraviglioso soffitto ligneo del salone è del 1587.

La rassegna

Ideato nel 2016 dal Comune di Lonigo con il suo Teatro Comunale e la direzione artistica di Alessandro Anderloni, Postounico è un viaggio musicale itinerante a tappe che si snoda quest’anno nei territori di Lonigo, Alonte, Arzignano, Cologna Veneta, San Bonifacio, Sarego, Val Liona e Villaga grazie alla collaborazione delle Amministrazioni comunali coinvolte.

Il Festival è patrocinato da Regione Veneto, Provincia di Vicenza e Provincia di Verona. Sponsor sono Rino Mastrotto Group, Fabbrica Italiana Sintetici, Autovega, La Barchessa di Villa Pisani, Trixie.

L’ingresso avrà un costo di 10 € e sarà acquistabile presso la biglietteria del Teatro Comunale di Lonigo (Piazza Matteotti, 1 – Lonigo) oppure online sul sito festival@postounico.it.

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?👉 È GRATUITO!👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM