In Piazza Bra il secondo alzabandiera dei bambini

Si è svolto questa mattina il secondo appuntamento di formazione civica rivolto agli studenti, per promuovere l’identità nazionale, grazie al contributo di Amministrazione, Comfoter di Supporto e Miur.

L’ iniziativa si è avviata in municipio, con l’intervento di un rappresentante dell’Esercito che ha fornito ai bambini presenti le principali nozioni sui simboli dell’unità nazionale, anche attraverso la proiezione di immagini e video sulla storia d’Italia., utilizzando un linguaggio molto semplice e coinvolgente. E’stata inoltre approfondita la genesi dell’inno di Mameli, analizzando il significato di ciascun verso, la sua adozione in via provvisoria come canto nazionale fino alla legge del 2017 che ha proclamato “Fratelli d’Italia” inno nazionale. E’stata illustrata la nascita della bandiera e chiarita la scelta dei colori verde, bianco e rosso, nonché il suo utilizzo e significato come simbolo del Paese.

Dopo la parte teorica, le classi si sono spostate in piazza Bra, dove alcuni alunni hanno alzato il tricolore in veste di pennonisti, con l’inno di Mameli in sottofondo. Erano presenti anche il sindaco Federico Sboarina e con lui il comandante del Comfoter di Supporto Giuseppenicola Tota.

“Un’iniziativa che sta riscuotendo molto interesse e partecipazione da parte delle scuole cittadine – ha detto il sindaco Sboarina –. Siamo molto contenti perché vuol dire che c’è attenzione su temi a cui noi crediamo molto, come  l’identità nazionale e i simboli che la rappresentano, e che riteniamo importante diffondere tra i più giovani”.

Ai giovani interlocutori, il sindaco ha anche ricordato le recenti celebrazioni per i cento anni dalla fine della Grande Guerra. “Molti soldati hanno perso la vita proprio per difendere ciò che l’inno nazionale e il tricolore rappresentano, ovvero l’appartenenza al popolo italiano, i valori che ci fanno sentire cittadini della stessa patria”.

“Vogliamo comunicare ai nostri giovani l’identità del popolo italiano attraverso i nostri simboli, l’inno e il tricolore, che spesso si danno per scontati – ha affermato il comandante Tota -. Questo progetto è l’esempio di un lavoro di gruppo per il bene della comunità”.

Questo tipo di incontri, che coinvolgono le scuole veronesi di ogni ordine e grado, si svolgono il secondo venerdì del mese.