Nuovo appuntamento con Teatro Onlife alla scoperta dell’amicizia e del valore delle differenze

Domenica 18 aprile in quattro appuntamenti, torna teatro Onlife con lo spettacolo di teatro per ragazzi di Fondazione Aida Dov’è finita la mia ombra?!. La proposta è scritta e interpretata dall'attrice e regista Mariangela Diana, tra i finalisti del Premio Hystrio alla vocazione nel 2019.

Domenica 18 aprile in quattro appuntamenti, torna teatro Onlife con lo spettacolo di teatro per ragazzi di Fondazione Aida Dov’è finita la mia ombra?!. Una storia di amicizia, scoperta di sé e dell’altro, per imparare che anche se si è diversi, c’è sempre un modo per superare le differenze e gli screzi di tutti i giorni e diventare davvero amici. La proposta è scritta e interpretata dall’attrice e regista Mariangela Diana, tra i finalisti del Premio Hystrio alla vocazione nel 2019.

«Dov’è finita la mia ombra?! è il nuovo spettacolo di Fondazione Aida, in scena questa domenica 18 aprile. Uno spettacolo che parla di un ragazzino, Pin, che va a scuola come tutti i bambini della sua età» spiega Diana. «Ha però un problema con la sua ombra: perché lo segue in continuazione. Ogni giorno per questo cerca un modo per farla sparire e ci riuscirà: portando problemi o forse gioia».

«Uno spettacolo online, interattivo, in cui i bambini sono protagonisti che dovranno aiutare Pin nella sua avventura. Saranno i bambini a rispondere alla domanda “dov’è finita la mia ombra?!» continua. «Lo spettacolo affronta varie tematiche. La scoperta di sè e dell’altro, attraverso Pin che, crescendo, ha gioie e dolori e così la sua ombra. Pin non la comprende proprio perché cerca di copiarlo. Forse la stessa cosa che succede a noi quando vediamo un nostro amico ma non lo comprendiamo perché troppo diverso da noi. Scopriamo così il valore della differenza e del valore dell’amicizia».

LEGGI ANCHE Verona, Città del Jazz

«L’amicizia in sè ci rende speciali, perché anche i successi dei nostri amici ci possono fare bene. Proprio l’amicizia è la più grande arma contro la solitudine. Ecco che quindi la storia di Pin racconta come siano armi potentissime sia le differenze che le amicizie, per combattere le difficoltà di ogni giorno» continua. «Il creare legami è importante, proprio come io narratrice creerò legami con i bambini che mi aiuteranno nel completare questa storia».

«Fondazione Aida si sta impegnando con Teatro Onlife, nato dall’esigenza del momento presente, e sta diventando anche un modo per esplorare la base del teatro: l’interazione, il legame tra l’attore e il pubblico. La dinamica è molto importante nel teatro per ragazzi, mettendoli in condizione di partecipare. Stiamo sperimentando la comunicazione nel teatro, cioè ciò che c’è di più puro, per poi riportarla all’esterno quando si potrà tornare in presenza e se allora ne sarà nato qualcosa di interessante» aggiunge.

«Ci chiederemo anche se si potrà procedere anche nella direzione dell’online. Teatro Onlife fa parte di un progetto di Crowfinding in cui stiamo raccogliendo fondi per sperimentare e far arrivare il teatro in luoghi lontanissimi e molto diversi dal nostro. Un impegno per Fondazione Aida e un sogno» conclude. «Proprio alla fine di uno spettacolo un bambino ha detto alla propria mamma che voleva altro teatro.. ebbene questo è il nostro sogno, regalare ai bambini il teatro. Vi aspettiamo domenica alle 11.30, alle 18 alle 18.45 e alle 20.45, per partecipare basterà collegarsi al sito di Fondazione Aida e acquistare il biglietto, per giocare tutti insieme: perché il teatro è un gioco».

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM