Mozzecane, il bilancio di un’estate ricca di eventi e presenze

Tredici eventi, oltre 1.200 spettatori, 100 musicisti coinvolti, 19 sponsor sostenitori, più di 25 ore di intrattenimento. Sono i numeri della grande estate di spettacoli promossa da Fondazione Discanto con il patrocinio del Comune di Mozzecane e della Provincia a Villa Vecelli Cavriani, con la collaborazione dell’associazione culturale Artematica.

«Siamo entusiasti della stagione, che nonostante l’emergenza Covid è stata eccezionale sia per il ricco cartellone, sia per l’afflusso di pubblico – sottolinea Andrea Turrina, presidente di Fondazione Discanto e di Eom Italia, scuola di osteopatia che è tra i soci della fondazione -. Tutto il territorio ne ha giovato, sia dal punto di vista della vivacità culturale, sia sotto il profilo strettamente economico, dato che le attività concertistiche e di formazione che si sono svolte nella villa hanno portato un grande movimento di persone nelle strutture alberghiere e in quelle di ristorazione e nei negozi. Grazie alla collaborazione con Artematica abbiamo portato a Mozzecane un giro di oltre 250 giovani provenienti da tutto il mondo, musicisti di livello avanzato, che si sono perfezionati con i migliori docenti a livello europeo. Una bellissima esperienza, che dimostra come si possano portare grandi artisti e grandi maestri anche in una piccola realtà come Mozzecane se si mettono in campo progetti e professionalità. Una manifestazione che ci piacerebbe diventasse stabile nel tempo. Perciò siamo già al lavoro per programmare la seconda edizione, ma anche per mettere in atto nuove sinergie che ci consentano di portare questo magnifico festival di grande musica classica in tutto il territorio veronese, con una serie di spettacoli itineranti».

«Questa grande estate di spettacoli è stata un successo e deve diventare un biglietto da vista prestigioso per il  nostro Comune – sottolinea Tomas Piccinini, vicesindaco e assessore alla Cultura di Mozzecane, fresco di elezione nel Consiglio regionale -. La cornice di Villa Vecelli Cavriani si è sposata perfettamente alla grande qualità dei concerti proposti, sia a quelli d’apertura di Stephanie Ghizzoni con la big band ritmo-sinfonica Città di Verona diretta da Marco Pasetto, sia per il Talent Music Summer festival e per la serata dedicata a Ennio Morricone. La sinergia tra pubblico e privato è stata fondamentale in un momento reso difficile a causa dei costi necessari per l’igienizzazione e le certificazioni, che ci hanno consentito di svolgere tutti gli spettacoli con la garanzia della massima sicurezza. Siamo perciò pronti ad affrontare il futuro con serenità, anche nell’eventualità di restrizioni che dureranno nel tempo, forti dell’esperienza di quest’anno che ci ha visti gestire in maniera ottimale l’applicazione della normativa anti-Covid grazie agli ampi spazi della villa e alla professionalità degli operatori».

«Siamo una delle accademie musicali più grandi d’Europa e siamo fieri di aver portato grandi maestri e talenti interessantissimi a Villa Vecelli Cavriani – spiegano i pianisti Paolo Baglieri e Ilaria Loatelli, già fondatori della Talent Music Master Courses, accademia internazionale di alto perfezionamento musicale, e del Concorso Nazionale “Scuole in Musica”, la manifestazione più grande a livello europeo del settore che ogni anno conta su una partecipazione di 5.000 giovani. “Da luglio a settembre sono state ospitate masterclass guidate da docenti di fama internazionale come i pianisti Andrea Bonatta, Jacques Rouvier e Dmitri Alexeev, i violinisti Silvia Marcovici e Klaidi Sahatci, il violista Alexander Zemtsov, il violoncellista Jerome Pernoo, il flaustista Adam Walker e l’arpista Florence Sitruk. I giovani studenti hanno risposto con grande entusiasmo arrivando da tutte le parti del mondo, dalla Russia alla Corea, dalla Germania alla Cina. Un’esperienza che ci auguriamo possa andare avanti e che potrebbe riservare piacevoli novità per il futuro».