Mostre fotografiche itineranti nella provincia veronese

VERONA- Ieri, lunedì 28 maggio, nella Sala Verde del Palazzo Scaligero, l’assessore alla Cultura e Identità Veneta Marco Ambrosini ha presentato le tre principali mostre fotografiche itineranti organizzate dall’associazione culturale “Rivela” per l’anno 2012.

Curate dall’associazione Rivela con il sostegno e patrocinio della Provincia di Verona – Assessorato alla Cultura e con il patrocinio della Regione del Veneto, della Regione Lombardia e del Comune di Verona, le esposizioni si intitolano rispettivamente: “Michelangelo. Gli occhi miei vaghi delle cose belle e l’alma insieme della sua salute…”, “Il Sugo della Storia. Rileggendo i Promessi Sposi di Alessandro Manzoni” e “Edith Stein. Una vita per la verità”.

«Queste mostre rappresentano una valida opportunità per tutto il nostro territorio» ha spiegato l’assessore Ambrosini «i diversi appuntamenti toccano infatti differenti località, offrendo così ai cittadini la possibilità di accostarsi con maggiore facilità all’arte e alla cultura, approfondendo inoltre la conoscenza della vita e della storia di alcune delle figure più significative e di maggior rilievo, che hanno segnato indelebilmente questi ambiti».

Le mostre si svolgono in gran parte nella provincia di Verona e, in cinque date, nella provincia di Brescia, seguendo tre calendari differenti. Il filo conduttore e il titolo riassuntivo è: “Nulla di ciò che è umano mi è estraneo”, per sottolineare l’attenzione verso l’esistenza umana nella varietà delle sue espressioni e il fascino per l’incompiuto che, in maniera diversa, emergono dalle opere e dalla vita dei protagonisti dei tre percorsi fotografici.

La prima mostra itinerante, “Michelangelo. Gli occhi miei vaghi delle cose belle e l’alma insieme della sua salute…”, è partita da Verona il 14 aprile 2012, ma sarà visitabile in altre località fino a gennaio 2013. L’esposizione, suddivisa in differenti sezioni, ripercorre la vita e la produzione artistica di Michelangelo, attraverso ricostruzioni storiche, biografiche e culturali.

La seconda mostra, “Il Sugo della Storia. Rileggendo i Promessi Sposi di Alessandro Manzoni”, è partita dalla provincia di Brescia il 18 maggio e terminerà, con l’ultima esposizione prevista dal 19 al 23 ottobre, a San Giovanni Lupatoto. Questa mostra ricostruisce, attraverso pannelli descrittivi e immagini, le vicende principali del noto romanzo manzoniano, con alcuni approfondimenti sul tema della Provvidenza.

La terza mostra itinerante, “Edith Stein. Una vita per la verità”, sarà allestita, invece, dal 1 al 3 giugno a Verona e proseguirà poi in varie località fino al 13 settembre. Questa esposizione fotografica è dedicata alla vita e alla storia di Suor Teresa Benedetta della Croce, più nota con il nome d’origine Edith Stein, filosofa che già dalla fine dell’Ottocento si inserì, in particolare, nel dibattito relativo alla questione femminile.

«Questo è il decimo anno che organizziamo con successo percorsi culturali che richiamano ad ogni edizione più di 20.000 visitatori» ha dichiarato Ermanno Benetti, presidente dell’associazione culturale “Rivela”, che ha aggiunto «le esposizioni coinvolgeranno non solo la provincia di Verona, ma anche quella di Brescia, inserendosi all’interno di feste di paese e manifestazioni locali. La forza dell’iniziativa sta appunto nel dare la possibilità anche ai piccoli paesi di provincia di allestire eventi culturali, impossibili da realizzare altrimenti a causa dei costi elevati».

La redazione