L’Estate Teatrale Veronese 2024, spettacoli di teatro e danza in tutta la città

Dal 21 giugno al 20 settembre, l’Estate Teatrale Veronese apre il suo programma alla città, il progetto ETV IN TOWN si arricchisce di tre appuntamenti.

etvintown

Per la prima volta, l’Estate Teatrale Veronese apre il suo programma alla città. Oltre alla splendida cornice del Teatro Romano, infatti, con il progetto ETV IN TOWN il cartellone estivo si arricchisce di tre appuntamenti in altrettante location di eccezione: Parco Santa Toscana, il quartiere di Veronetta, e il Bastione delle Maddalene.

Quest’anno è stato infatti lanciato un invito ai 12 membri della Rete Spettacolo Verona – Professionisti (RSVP) per arricchire la programmazione del festival con proposte di spettacoli, sempre legati a Shakespeare o al Teatro Antico, da collocare in alcuni luoghi di pregio della città.

È nato così ETV IN TOWN, che ha come obiettivo ospitare i migliori progetti presentati, da un lato proponendoli al pubblico e dall’altro sollecitando lo sviluppo di contenuti in grado di garantire una crescita sostanziale nel percorso artistico delle compagnie.

LEGGI LE ULTIME NOTIZIE SU EVENTI, CULTURA E SPETTACOLI

Le parole dell’Assessora alla Cultura Marta Ugolini

L’Assessora alla Cultura Marta Ugolini spiega il dialogo instaurato con le realtà legate al campo del teatro e della danza. Le sue parole:

«In questi anni stiamo portando avanti convintamente come amministrazione comunale un dialogo costruttivo con le tante realtà professionali del territorio attive nel campo del teatro e della danza. La loro scelta di fare sistema creando la rete RSVP ha facilitato un confronto serrato che prende forma in progetti specifici. In autunno è partito “Altro Teatro City” per promuovere la loro presenza nel cartellone del Teatro Camploy».

Prosegue poi illustrando la prima edizione di ETV IN TOWN:

«La prima edizione di ETV IN TOWN è un ulteriore passo in questa direzione e credo che saprà mettere in risalto una volta di più il valore dei nostri ottimi professionisti. Altro elemento qualificante dell’iniziativa è la valorizzazione di particolari location presenti in città, che quest’anno punta i riflettori sul quartiere di Veronetta, facendo scoprire al pubblico inediti luoghi di spettacolo».

Le parole del direttore artistico Carlo Mangolini

«Il territorio veronese esprime tante eccellenze in campo artistico. Il progetto ETV IN TOWN nasce con l’obiettivo di valorizzarle al meglio, inserendole nel programma della stagione più importante tra quelle organizzate direttamente dal Comune di Verona».

Affermando poi l’unicità dei progetti selezionati:

«I progetti selezionati hanno tutti una loro unicità, nel prendere a pretesto l’immaginario classico e shakesperiano portandolo nel presente, sia per le tematiche affrontate che per le modalità di fruizione anomale. Sono certo che le proposte che compongono questo cartellone, tutte presentate in prima nazionale, faranno vivere, agli spettatori che vorranno prendervi parte, delle esperienze uniche, da portare con loro anche dopo lo spettacolo».

Le location

Il Bastione delle Maddalene, il Parco Santa Toscana e l’intero Quartiere di Veronetta, sono dunque le suggestive location scelte quest’anno, che ospiteranno progetti di differente natura. Da quelli più tradizionali da palcoscenico a performance partecipate a vere e proprie visite guidate nella città, per riflettere insieme su come i luoghi ci comunichino qualcosa di unico, rendendoci protagonisti come cittadini prima ancora che come spettatori.

LEGGI ANCHE: Omicidio a Lazise, vittima un uomo di 67 anni

Il programma

Il programma è stato presentato dall’assessora alla Cultura Marta Ugolini insieme al direttore artistico del festival Carlo Mangolini. Presenti Solimano Pontarollo di Casa Shakespeare, Enrico Castellani di Babilonia Teatri, Nicola Pasqualicchio del Dipartimento Culture e Civiltà dell’Università di Verona e Elena Personi Musola responsabile marketing e comunicazione del Gruppo Vicenzi, fra i partner del Fetival.  

Per la prima edizione di ETV IN TOWN sono state selezionate una proposta di danza e due di teatro. Si tratta della compagnia Zebra con il progetto coreografico di Chiara Frigo BLACKBIRD, liberamente ispirato al personaggio shakespeariano della “Dark Lady”, evocata da nove performer, che coinvolgerà direttamente gli spettatori in azioni performative nel Parco Santa Toscana.

Abiterà invece il Bastione delle Maddalene il progetto teatrale di Solimano Pontarollo e Andrea De Manicor WELFARE LEAR che indaga il tema della vecchiaia e dell’accudimento.

Animeranno infine gli spazi del Quartiere di Veronetta Babilonia Teatri con POLIS/CITY/CITTÀ che, a partire da “La Repubblica” di Platone e dal concetto di città ideale, si interrogano su quali siano le caratteristiche della città in cui abitiamo coinvolgendo anche gli studenti dell’Università di Verona.

WELFARE LEAR – dal 10 al 13 luglio

Il programma inaugura al Bastione delle Maddalene dal 10 al 13 luglio con WELFARE LEAR – Ovvero come sopravvivere in vecchiaia alla tassa di successione e vivere più o meno felici, forse. Un progetto di Casa Shakespeare con la drammaturgia originale di Andrea De Manincor dal “King Lear” di Shakespeare e la regia di Solimano Pontarollo.

Una rivisitazione della nota tragedia shakespeariana, fortemente concentrata sull’aspetto di radicale conflittualità fra generazioni. O meglio, quanto può pesare non la famosa libbra di carne, ma la vecchiaia sui bilanci di uno Stato. Insomma, il focus di questa messinscena si riferirà al contrasto fra il sostegno alla vecchiaia e il suo allontanamento, l’abbandono a lande sconosciute, in terreni che nemmeno sono vivibili: all’addiaccio, fra intrichi di foresta e in mezzo alla bufera.

Con questa “variazione sul tema” Casa Shakespeare sceglie di indagare, attraverso laboratori e progetti di comunità che si svilupperanno nell’arco dell’anno, il grande tema della vecchiaia presente in Lear.

BLACKBIRD – 27 e 28 luglio

Si prosegue il 27 e 28 luglio al Parco Santa Toscana con BLACKBIRD di Chiara Frigo. Ispirandosi alla figura della Dark Lady, la coreografa costruisce un progetto di danza che mira a fare incontrare al tramonto artisti e comunità locali con il fine di attivare processi di creazione collettiva.

L’espressione Dark Lady compare nei “Sonetto” di Shakespeare, come una dama tenebrosa, una creatura fatale fuori dall’ordine domestico immoto e rassicurante. Con il suo temperamento rivoluzionario va a incarnare il cuore di una riflessione, profonda e travagliata, che il poeta conduce sulla forma poesia e sugli effetti che questa genera nelle relazioni tra esseri umani.

A partire da tale presupposto BLACKBIRD intende stimolare un incontro artistico tra sconosciuti, facendo leva sull’elemento dell’imprevedibilità. Gli spettatori diventano di fatto coprotagonisti di un evento che attraversa la danza, ma anche il canto, la parola e la letteratura. A condividere con loro questa esperienza un cast al femminile composto da nove performer.

LEGGI ANCHE: L’estate è la stagione delle zecche: informazioni e consigli utili

POLIS/CITY/CITTÀ – 7 e 8 settembre

Il 7 e 8 settembre infine per le Vie del Quartiere di Veronetta, Babilonia Teatri propongono POLIS/CITY/CITTÀ un progetto realizzato in collaborazione con l’Università di Verona – Veronetta ContemporaneaA partire da “La Repubblica” di Platone e, in particolare, dal concetto di città ideale che l’autore tratteggia nell’opera, Valeria Raimondi e Enrico Castellani realizzano il progetto POLIS/CITY/CITTÀ interrogandosi su quali siano le caratteristiche delle città in cui abitiamo.

POLIS/CITY/CITTÀ è un percorso che si snoda per le vie di Veronetta. Gli spettatori verranno guidati attraverso il quartiere, e le voci, i suoni e i rumori che ascolteranno in cuffia consegneranno loro una mappa insieme emotiva e topografica. Grazie alle registrazioni e all’editing audio di Luca Scapellato verrà data voce a quello che si vede e a quello che in genere rimane nascosto sotto la superficie. Il quartiere ospita buona parte degli edifici e delle facoltà dell’Università di Verona.

È allo stesso tempo un quartiere storico della città e il quartiere maggiormente multietnico. All’interno del quartiere convivono mondi paralleli che spesso non si intersecano. Nell’indagine saranno coinvolti anche alcuni studenti dell’Università di Verona, in quanto abitanti del quartiere con specifiche caratteristiche. Sono abitanti anomali, part-time, che del quartiere generalmente fanno un uso e consumo strettamente legato alla frequentazione universitaria e ai locali circostanti. Il loro punto di vista può gettare uno sguardo ulteriore sul quartiere, sulle sue fratture, le sue possibilità e le sue contraddizioni.

YELLOW EXPERIENCE

Un’altra novità di questa edizione 2024 dell’Estate Teatrale Veronese è la YELLOW EXPERIENCE. Iniziativa che coinvolge il pubblico attraverso il colore giallo, simbolo di creatività e dinamismo. Indossando un accessorio giallo, gli spettatori potranno ricevere sorprese e interagire con la comunità social del festival.

Questa esperienza interattiva, che vede anche il coinvolgimento di Confesercenti, mira a rendere il pubblico sempre più protagonista.

Estate teatrale Veronese 2024

Dal 21 giugno al 20 settembre, tre mesi di Festival di eventi con 15 prime nazionali, 7 coproduzioni e ben 52 serate di spettacolo dal vivo. Tra le novità il ritorno dei grandi allestimenti shakespeariani e classici, le sonorità del mondo e la valorizzazione dei talenti del territorio.

Organizzata dal Comune di Verona, in Collaborazione con Arteven, e con il prezioso sostegno di AGSM-AIM, Banco BPM e Gruppo Vicenzi, l’Estate Teatrale Veronese 2024 ha nel Teatro Romano la sua sede d’eccellenza, che tra gli appuntamenti più importanti ospita:

  • Per la MUSICA un terzetto internazionale tutto al femminile composto da Ana Carla Maza (23 giugno), Fatoumata Diawara (6 luglio) e Marisa Monte (28 luglio).
  • Per il TEATRO le prime nazionali di “Amleto” con Francesco Montanari (4 e 5 luglio) e “Molto rumore per nulla” con Lodo Guenzi (25 e 26 luglio), oltre al doppio allestimento di “Romeo e Giulietta” (17 luglio) e il suo seguito “After Juliet” (18 luglio) diretto da Filippo Dini.
  • Per la DANZA la versione del “Sogno di una notte di mezza estate” coreografata da Davide Bombana (1 e 2 agosto) e l’atteso ritorno dei Momix (dal 5 al 17 agosto).

Per ulteriori informazioni e per l’acquisto dei biglietti, è possibile visitare i siti ufficiali:

Ricevi (gratis) il Verona Eventi

Scopri tutti gli eventi e spettacoli della settimana a Verona e provincia!
Esce il mercoledì

CLICCA QUI PER RICEVERLO GRATUITAMENTE!