“La Pala di San Girolamo. Relazione Tecnica finale” all’oratorio di Pontoncello

Verrà presentata questa sera la relazione tecnica del restauro della "Pala di San Girolamo" all'interno dell'Oratorio di Pontoncello. Interverranno gli storici dell'arte e gli addetti della Soprintendenza che hanno eseguito i lavori, terminati il 13 ottobre 2019.

oratorio-di-pontoncello-san-girolamo.
Oratorio di Pontoncello

Stasera, mercoledì 12 febbraio, alle 20.30 all’ Oratorio di Pontoncello, verrà presentata “La Pala di San Girolamo. Relazione tecnica finale“. Una serata tecnica, di presentazione dei lavori da parte dei restauratori e dei funzionari della Soprintendenza, che sono intervenuti nel restauro della Pala di San Girolamo, che è stata ricollocata dentro la chiesetta e presentata domenica 13 ottobre 2019, durante una messa celebrativa.

Questa sera l’incontro si aprirà con un video introduttivo con immagini del 13 ottobre e i saluti delle autorità, interverrà quindi il parroco Don Daniele Scandella con una breve relazione economica dell’intervento.

In seguito esporranno i contenuti del loro lavoro i restauratori e gli storici dell’arte che hanno curato la pubblicazione relativa al recupero del quadro. Per primi Erminio Signorini e Mara Onofrio, con la relazione tecnica sul restauro e immagini dei lavori, poi la dottoressa Maristella Vecchiato, di Sopraintendenza alle Belle Arti, che presenterà l’analisi critica dell’opera.

Successivamente interverranno il dottor Angelo De Rossi che tratterà una relazione sull’altare e le altre opere artistiche presenti nell’Oratorio e Roberto Facci, presidente del Comitato Radici, che darà la visione della Pala di San Girolamo nelle visite pastorali.

Il restauro della Pala è nato dalla richiesta, ancora nel 2018, della popolazione del luogo, affezionata alla chiesa di Pontoncello, che è come una piccola “borgata” tra San Giovanni e Zevio. Hanno contattato il Comitato Radici, il quale si è interessato alla parte burocratica, riguardo i permessi alla Soprintendenza e alla Curia, e a sensibilizzare i vari organi che hanno finanziato il progetto. Tra questi la Lupatotina Gas e Luce, i comuni di San Giovanni e Zevio, la Banca di Verona Gruppo Bancario Cooperativo. Il restauro è poi avvenuto anche con il contributo di alcuni privati.

L’Associazione Comitato Radici si è costituita nel dicembre 1999. Ha iniziato i suoi lavori dopo le festività natalizie dell’anno 2000. Tutte le attività sono frutto di una stretta collaborazione fra più soggetti sia pubblici sia privati. L’Associazione ha lo scopo di promuovere ogni iniziativa che favorisca la ricerca e la conoscenza dell’arte, della storia, dell’ambiente e della società nei suoi molteplici aspetti, afferenti l’ambito del territorio del Comune di San Giovanni Lupatoto e territori limitrofi.